ETFWorld.it

2015: un anno di successi e costante innovazione per Amundi ETF

Amundi annuncia i risultati molto soddisfacenti ottenuti dalla business unit ETF nel 2015, con una raccolta record e un totale di masse gestite pari a circa € 20 miliardi1…


Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


{loadposition notizie}

Valérie Baudson, CEO di Amundi ETF, Indexing e Smart Beta


La gamma Amundi ETF ha raccolto circa € 3,4 miliardi nel 2015 (1).

Con un tasso di crescita medio annuo di oltre 34% negli ultimi 6 anni (contro il +19% del mercato europeo)2, Amundi conferma il proprio posizionamento tra i primi 5 operatori nel mercato europeo degli ETF.

La raccolta, pari a € 3,4 miliardi1, proviene principalmente da strumenti plain vanilla (azioni europee, esposizione ad obbligazioni in euro che offrano un potenziale di rendimento) ed è sostenuta dalla capacità di Amundi ETF di combinare costi di gestione competitivi e innovazione costante per soddisfare le esigenze degli investitori.

Innovazione per meglio costruire l’asset allocation

Coerentemente ai valori che hanno contraddistinto storicamente Amundi ETF – prezzi competitivi, innovazione, trasparenza – sono stati sviluppati nuovi prodotti in linea con i trend di investimento nel 2015:

• trovare nuove fonti di potenziale rendimento in tutte le classi di attivo, con ETF innovativi3 sul tema del riacquisto di azioni proprie statunitensi ed europee, un’esposizione a titoli a tasso variabile statunitensi e obbligazioni corporate BBB in euro;

• coprire nuovi rischi finanziari, in particolare il carbon risk con il primo ETF che replica l’indice di strategia MSCI World Low Carbon Leaders;

• gestire il rischio cambio, con un’esposizione con copertura quotidiana del rischio cambio agli indici JPX-Nikkei 400 e Topix, per isolare il portafoglio dalla volatilità giornaliera dei mercati valutari;

• interessanti soluzioni Smart Beta, concentrandosi sullo sviluppo di una gamma completa di soluzioni mono e multi Smart Beta, per il cui carattere innovativo Amundi Multi Smart Beta ETF è riconosciuta4.

Valérie Baudson, CEO di Amundi ETF, Indexing e Smart Beta commenta: “A fronte di un anno sfidante, i nostri risultati record ci incoraggiano a proseguire nello sviluppo di soluzioni a costi contenuti che rispondano alle esigenze di asset allocation degli investitori. L’offerta di nuove fonti di potenziale rendimento e lo sviluppo di soluzioni Smart Beta saranno al centro del nostro lavoro nel 2016, poiché disponiamo delle competenze necessarie per fornire un reale valore aggiunto agli investitori in quest’area. Inoltre, continueremo a sviluppare solide relazioni con le reti di distribuzione per rispondere alle esigenze della clientela e, incoraggiati dal successo ottenuto in Europa negli ultimi 6 anni, siamo pronti a portare la nostre expertise ETF in Asia nel 2016, facendo leva sui nostri punti di forza: costi competitivi, qualità nella replica ed innovazione.


1 Fonte: Amundi ETF, Indexing & Smart Beta al 31/12/2015. Esclusi i dati relativi alla joint venture SBI Funds Management

2 Fonte: Amundi ETF, Indexing & Smart Beta, basato sui report di settore elaborati da Deutsche Bank negli anni 2010, 2011, 2012, 2013, 2014 e sulla European Monthly ETF Market Review al 10/12/2015

3 Innovativi in Europa alla data di lancio

4 Amundi ETF ha vinto a febbraio 2015 il Grand Prix de l’Innovation di L’Agefi con l’ETF Multi Smart Beta.

Fonte: ETFWorld.it

  

Articoli Simili

HANetf : Quota in Italia il primo ETF che permetterà di compensare l’emissione di carbonio

Redazione

Ossiam modifica denominazione per due ETF

Redazione

Lyxor ETF quota quattro nuovi ETF obbligazionari in Borsa Italiana

Redazione