ETFWorld.it

21Shares

21Shares è l’emittente dei primi due ETP/ETF al mondo per performance conseguite

21Shares : Il 1° marzo, Eric Balchunas, Senior ETF Analyst di Bloomberg Intelligence, ha mostrato tramite il suo profilo Twitter che il Binance BNB ETP di 21Shares ha guadagnato oltre il 500% in un anno, quattro volte in più di ogni altro ETF al mondo.

Se vuoi ricevere le principali notizie di ETFWorld.it iscriviti alle Nostre Newsletters gratuite. Clicca qui per iscriverti gratuitamente  


Inoltre, è giusto segnalare che 5 dei 10 ETP che hanno ottenuto le performance migliori a livello globale sono prodotti 21Shares; infatti, da inizio anno, i due ETP/ETF che hanno guadagnato di più sono i BNB e HODL, come si evince dalla grafica sottostante. Gli investitori che hanno deciso di esporsi al mercato delle criptovalute attraverso i nostri ETP sono in una posizione migliore rispetto agli altri per beneficiare dell’asset che ha ottenuto i risultati migliori in assoluto.

03032021

Come si dice in certi casi, “i risultati parlano da soli”. Dal 1° gennaio 2020, il Bitcoin ha guadagnato circa il 600%, mentre lo S&P 500 solo il 16%. E il settore delle criptovalute non si ferma solo al Bitcoin; infatti, altri asset e altre innovazioni sono stati altrettanto sorprendenti – un esempio su tutti è Ethereum. Riteniamo che il fenomeno delle criptovalute sia molto robusto e che avrà un impatto diretto su ogni aspetto dei mercati finanziari, come scritto dalla Federal Reserve di Saint Louis in un suo paper sulla Finanza Decentralizzata (DeFi), in cui afferma che le infrastrutture digitali sono più solide e trasparenti di quelle su cui si poggia la finanza tradizionale. Infatti, recentemente si è verificata un’interruzione dei servizi principali della Fed, attribuibile a un errore umano. Questa interruzione è durata quattro ore e tra i sistemi colpiti c’è stato anche il Fedwire Funds Service, che le banche, le imprese e le agenzie governative usano per effettuare transazioni molto importanti e giornaliere. In poche parole, si è bloccato l’intero sistema finanziario statunitense. Il network del Bitcoin, invece, da quando è stato lanciato il 3 gennaio 2009 a oggi, è stato attivo per il 99,98% del tempo.

L’attrattività del settore delle criptovalute è molto alta; grandi nomi provenienti dalla “finanza tradizionale” si sono dimostrati coraggiosi e all’avanguardia nell’adottare queste nuove ma entusiasmanti tecnologie. Solo per citarne alcuni, Paul Tudor Jones, Ruffer, Yale e Harvard, che non sono certamente dei dilettanti della finanza. Inoltre, riteniamo che sempre più critici si convertiranno, come è effettivamente accaduto negli ultimi 10 anni. Un esempio è Kevin O’Leary di Shark Tank, che ha cambiato idea sulle criptovalute e ha investito in maniera ponderata il 3% del suo portafoglio in Bitcoin ed Ethereum e che ha ammesso che le valute digitali non sono un fenomeno passeggero. Allo stesso tempo, Goldman Sachs ha rilanciato la sua piattaforma di scambio di asset digitali, dopo aver abbandonato questa idea solo 3 anni fa. Sulla stessa linea, anche Citibank ha elogiato l’innovazione alla base del Bitcoin in un suo report.

Dal nostro punto di vista, gli asset digitali sono un importante investimento di lungo periodo e continueremo a provarlo anche nei prossimi anni. Ecco perché 21Shares si è dotata della gamma più vasta di prodotti sulle criptovalute per soddisfare la domanda degli investitori: offriamo 12 diversi ETP quotati in borse europee regolamentate e scambiati in 4 valute diverse (dollaro americano, franco svizzero, euro e sterlina). Di questi, 7 sono single tracker, 4 sono indici e uno è un ETP short. Inoltre, prima di quotare un nuovo asset, dobbiamo assicurarci di aver rispettato una serie di criteri quali l’innovazione della blockchain, la composizione del team, la domanda degli investitori, la liquidità e lo status della regolamentazione. Questo perché quando progettiamo un nuovo ETP, sappiamo che gli investitori stanno investendo il loro patrimonio su una nuova valuta e questo aspetto lo prendiamo molto seriamente.

L’ETP sul Polkadot, il nostro ultimo prodotto, rispetta tutti questi requisiti e gli investitori sembrano gradirlo dato che ha accumulato 25 milioni di dollari in asset under management in soli 15 giorni dalla sua quotazione, dimostrando ancora una volta la grande popolarità della nostra gamma di prodotti.

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

21Shares: anche Cardano adotta gli smart contract, ma l’accounting non convince

Redazione

WisdomTree : Criptovalute, un approccio alla gestione del rischio

Redazione

KraneShares: significativi flussi sull’ETF KWEB

Redazione