ETFWorld.it

Amundi diventa il quarto più grande emittente europeo di ETF

Wurtz Fannie Amundi ETF 2017

Amundi ETF continua la propria crescita nel mercato europeo. 3,8 miliardi di euro di raccolta netta rispetto al 2018 , che porta il totale delle masse in gestione a 38,6 miliardi di euro…..

Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Fannie Wurtz, Managing Director di Amundi ETF, Indexing e Smart Beta


Amundi ETF annuncia di aver realizzato una raccolta netta di 3,8 miliardi di euro nel 20182, portando le masse gestite a 38,6 miliardi di euro. Grazie a questa crescita della quota di mercato, Amundi è ora il quarto più grande emittente  europeo di ETF, avendo registrato una consistente crescita nel 2018, nonostante le difficili condizioni del mercato.

“Siamo molto orgogliosi di aver registrato forti afflussi nel 2018 e ciò dimostra che gli investitori continuano ad adottare gli ETF a un ritmo sostenibile”, ha dichiarato Fannie Wurtz, Managing Director di Amundi ETF, Indexing e Smart Beta.

La crescita di Amundi ETF lo scorso anno è stata trainata non solo dal lancio di soluzioni innovative, ma anche dalla competitività in termini di costo e dalla capacità di soddisfare con successo le esigenze dei clienti grazie a strategie sia core di portafoglio che più specifiche.

La business line si è concentrata sullo sviluppo di soluzioni su misura per clienti istituzionali e distributori, a dimostrazione dell’impegno profuso nel collaborare con loro e nel soddisfare le loro esigenze di lungo periodo.

In un contesto caratterizzato da una forte domanda per strategie azionarie e a reddito fisso tradizionali, Amundi ha conquistato una quota significativa della raccolta netta del mercato europeo degli ETF:

Il 30% delle sottoscrizioni è stato intercettato dagli ETF azionari esposti ai mercati emergenti.

Quasi il 35% delle sottoscrizioni ha riguardato gli ETF sulle azioni europee.

Il 25% delle sottoscrizioni è stato indirizzato verso ETF esposti ai bond governativi globali

Realizzare prodotti innovativi per soddisfare le esigenze dei clienti ha rappresentato un motore di crescita fondamentale:

Una gamma completa di ETF SRI (investimenti socialmente responsabili) azionari ed obbligazionari per soddisfare la crescente domanda di soluzioni passive socialmente responsabili3.

 Un ETF tematico che offre un’esposizione al tema dell’intelligenza artificiale, fattore chiave per la crescita economica globale3.

Espansione internazionale

Grazie al successo conseguito dalla propria offerta UCITS in Europa e Asia negli ultimi anni, Amundi ETF ha proseguito il proprio sviluppo internazionale quotando 19 ETF UCITS nella Borsa messicana (BMV) per rispondere alla crescente domanda di ETF UCITS da parte degli investitori locali.

“Abbiamo continuato a beneficiare della strutturale rotazione a favore delle soluzioni passive, ulteriormente rafforzata dalla maggiore trasparenza portata da MiFID II.

Siamo fiduciosi che il trend positivo continui nel 2019, alla luce dei significativi afflussi registrati a gennaio di quest’anno” aggiunge Fannie Wurtz.

Guardando al futuro

Per consolidare ulteriormente le solide relazioni con tutti i segmenti di clientela a livello globale, Amundi ETF continuerà a concentrarsi su tre pilastri principali:

– soddisfare la crescente domanda di soluzioni a base di ETF da parte dei distributori mentre l’industria si adopera per implementare MiFID II;

– conciliare gli investimenti passivi con gli obiettivi SRI, come parte del piano d’azione triennale ESG di Amundi, annunciato nell’ottobre 2018, in base al quale Amundi mira a raddoppiare i propri asset passivi ESG;

– ampliare la propria distribuzione di ETF UCITS, per soddisfare la domanda in un quadro di investimento rigoroso, come dimostrato dal successo del lancio della gamma in Messico nel 2018.

Fonte:ETFWorld.it

Articoli Simili

Lyxor: Allocazione tra gestione attiva e passiva

1admin

Invesco: Quadro generale: attenuazione del rischio

1admin

ETF Obbligazionari: Quali sono i miti da sfatare

1admin