fbpx
ETFWorld.it

Amundi SGR: 10° edizione European ETF & Smart Beta Survey di EDHEC Risk

Pubblicazione della 10° inchiesta “European ETF and Smart Beta” di EDHEC-Risk…….

Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


{loadposition notizie}


L’Istituto EDHEC-Risk ha pubblicato i risultati della 10a inchiesta sugli ETF e le soluzioni Smart Beta in Europa, uno studio approfondito al quale hanno partecipato 211 investitori in ETF e soluzioni Smart Beta europei. L’inchiesta è stata realizzata nell’ambito delle attività della cattedra di ricerca Amundi sul tema “ETF, Indexing and Smart Beta Investment Strategies”, presso l’istituto EDHEC-Risk.

Risultati chiave dell’ultima inchiesta:
Un crescente utilizzo dii ETF

    Gli ETF occupano una porzione crescente nei portagli, per quanto riguarda le componenti azionarie e obbligazionarie
    Nel 2006, il 45% degli intervistati utilizzava ETF per investire in azioni, rispetto al 91% nel 2016
    Nel 2006, il 10% degli intervistati utilizzava ETF per investire in obbligazioni, rispetto al 65% nel 2016
    Due terzi circa degli intervistati (67%) utilizzava ETF per investire nelle soluzioni Smart Beta nel 2016; un considerevole incremento rispetto al 49% del 2014

Le scelte di allocazione degli investitori in ETF sono guidate da criteri quantitativi e qualitativi

    Al momento di scegliere un emittente di ETF, gli investitori ne valutano attentamente i costi, la qualità e l’impegno a lungo termine
    Il 63% degli intervistati prevede di aumentare gli investimenti in ETF con il principale obiettivo di ridurre i costi
    Gli investitori si aspettano un ulteriore sviluppo degli ETF  azionari e Smart Beta per esporsi agli indici mono e multifattoriali

Modalità con la quale gli investitori scelgono ed utilizzano le soluzioni Smart Beta

    Gli investitori utilizzano le strategie Smart Beta con 2 obiettivi principali: migliorare la performance e gestire i rischi
    La liquidità, la metodologia di costruzione degli indici e i costi di transazione sono criteri decisivi nella valutazione delle soluzioni Smart Beta
    Il 64% degli intervistati investe in soluzioni passive Smart Beta per ragioni di costo e di trasparenza
    Il 44% degli intervistati investe in soluzioni attive Smart Beta per beneficiare della loro reattività e del loro dinamismo

Prospettive di sviluppo significative per le soluzioni Smart Beta

    Il 94% degli intervistati intende accrescere l’utilizzo di strategie Smart Beta nei prossimi 3 anni
    Gli investitori sperano in un ulteriore sviluppo del settore obbligazionario Smart Beta e delle soluzioni alternative e personalizzate

 


Fonte:ETFWorld.it

Articoli Simili

21Shares raggiunge 150 milioni di dollari di AuM

Redazione

WisdomTree – Azionario USA, azionario cinese e metalli industriali: perché puntare su queste 3 asset class

Redazione

WisdomTree – Gli investitori professionali italiani guardano all’Intelligenza artificiale

Redazione