ETFWorld.it
Image default

Approfondimento: UBS Asset Management quota a Milano la versione euro-hedged dell’ETF multifactor su large, mid e small cap USA

UBS Asset Management consente agli investitori italiani di accedere ad una delle sue strategie in ETF di maggior successo anche nella versione con copertura del rischio cambio....

Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


{loadposition notizie}

Francesco Branda, Head of Passive & ETF Specialist Sales Italy, UBS AM


Il 27 aprile scorso è stato infatti quotato su Borsa Italiana l’UBS (Irl) ETF plc – MSCI USA Select Factor Mix UCITS ETF (hedged to EUR) A-acc, che si affianca al prodotto multi-fattoriale senza la copertura di cambio quotato a luglio del 2017 e che ha raccolto più di 1 miliardo di $ in meno di un anno.[1]

I due ETF offrono la possibilità – con o senza la copertura dal rischio di cambio – di accedere a 2.250 società quotate americane, tra large, mid e small cap, combinando ben sei diversi fattori: Momentum, Prime Value, Quality, Total Shareholder Yield, Low Volatility e Size. I sei fattori sono equi ponderati e il ribilanciamento dell’indice è su base trimestrale con distribuzione dei dividendi, per l’ETF a cambio aperto, ogni sei mesi. La metodologia di replica adottata da UBS è quella fisica completa.

 “Gli Smart Beta sono uno dei temi d’investimento con i tassi maggiori di crescita e le strategie multifactor sono quelle che hanno avuto la maggior raccolta in America e in Europa” spiega Francesco Branda, Head of Passive & ETF Specialist Sales Italy, UBS AM, che continua: “Le strategie fattoriali più utilizzate con i migliori track record sono momentum, quality, small cap, low volatility, value e yield. Tutte e sei hanno sovraperformato gli indici a capitalizzazione nel lungo periodo, ma individualmente possono soffrire nel breve di fasi di sottoperformance. Combinare equi pesando le sei strategie fattoriali consente di migliorare le performance”.

Il 27 aprile sono stati inoltre quotati altri due ETF di UBS Asset Management:

–        UBS ETF – MSCI EMU UCITS ETF (EUR) A-acc, che si differenzia dall’EMU già esistente in quanto i dividendi non vengono distribuiti ma accumulati;

–        UBS (Irl) ETF plc – MSCI Australia UCITS ETF (hedged to EUR) A-acc, che permette di esporsi al settore azionario australiano con la copertura dal rischio di cambio Euro/AUD, coprendo circa l’85% della capitalizzazione di mercato del Paese.

Grazie ai nuovi strumenti, la gamma di ETF hedged di UBS quotati su Borsa Italiana sale a 25 strumenti, confermandosi la più ampia disponibile a Piazza Affari, oltre ad essere l’unica ad abbracciare tutte le asset class. Su questo terreno UBS si conferma il primo emittente a livello europeo con una quota di mercato di oltre il 29% e AuM pari a 21,6 miliardi di dollari.[2]

 

Nome

Classe

Ter

ISIN

UBS (Irl) ETF plc – MSCI USA Select Factor Mix UCITS ETF (hedged to EUR) A-acc

(USD) A-dis

0,40%

IE00BDGV0746

UBS ETF – MSCI EMU UCITS ETF (EUR) A-acc

(EUR) A-acc

0,18%

LU0950668870

UBS (Irl) ETF plc – MSCI Australia UCITS ETF (hedged to EUR) A-acc

(AUD) A-acc

0,50%

IE00BWT3KS11

 


[1] Fonte: UBS AM, dato al 29.03.2018

2 Fonte: ETFGI Currency Hedged ETF and ETP Insights, gennaio 2018

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

Amundi innova con un ETF tematico sull’intelligenza artificiale

1admin

UBS amplia l’offerta di ETF su Borsa Italiana

Falco64

Invesco quota un nuovo ETF sul mercato italiano

1admin
UA-10929829-1