ETFWorld.it
Image default

BlackRock ETP Landscape | Andamento globale del mercato degli ETP nel mese di marzo 2018

Gli afflussi globali degli ETP si confermano contenuti, pari a 17,7 miliardi di dollari, seppur in accelerazione rispetto ai 6,8 miliardi di dollari del mese di febbraio,….

Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


{loadposition notizie}

Patrick Mattar – Head of EMEA Broker Dealer Sales del team iShares Capital Markets


dato che gli investitori hanno preso in considerazione l’aumento dei tassi di interesse USA, un innalzamento delle aspettative di inflazione e il potenziale inasprimento del protezionismo.

Al di là del mercato statunitense, i fondi azionari confermano il momento positivo, guidati dal Giappone con 13,4 miliardi di dollari e mercati emergenti con 3,3 miliardi di dollari, mentre l’azionario europeo ha registrato deflussi per 6,1 miliardi di dollari.

Il reddito fisso ha registrato una raccolta pari a 3,9 miliardi di dollari, con flussi positivi per le categorie quali titoli governativi e treasury statunitensi, controbilanciati dai deflussi dall’obbligazionario corporate sia investment grade sia alto rendimento.

I deflussi dall’azionario statunitensi hanno raggiunto i 7 miliardi di dollari, seppur inferiori rispetto alle fuoriuscite di 21,3 miliardi di dollari del mese precedente.

Patrick Mattar, del team capital markets EMEA di iShares (BlackRock), ha commentato le tre principali tendenze dei flussi degli ETP europei registrate nel mese di marzo:

Marzo silenzioso

Nel mese di marzo gli ETP quotati nell’area EMEA hanno raccolto 1,2 miliardi di dollari, nonostante si sia registrata la settimana di maggiori deflussi da dicembre 2014. Il sentiment del mese è stato tumultuoso con la volatilità del mercato alimentata da titoli del commercio e tecnologici. Nonostante si siano registrati i minori flussi mensili da novembre 2016, alcuni segmenti si sono confermati popolari. La maggioranza degli afflussi azionari si è orientata verso gli Stati Uniti (6 miliardi di dollari), sotto il forte impulso dall’allentamento fiscale annunciato all’inizio dell’anno. La popolarità dell’azionario europeo si è invertita a metà mese, dato che il sentiment è stato probabilmente intaccato dal rallentamento dello scenario macroeconomico e dalla crescente incertezza politica in Italia.

Mercati Emergenti da record

Gli ETP azionari dei Mercati Emergenti (EM) hanno registrato la migliore raccolta trimestrale di sempre, con flussi in ingresso complessivi di 4,6 miliardi di dollari, chiudendo anche il quinto trimestre positivo consecutivo. Un rallentamento negli acquisti sull’azionario emergente verso la fine del 1Q non ha ostacolato la corsa record, nonostante le preoccupazioni per un aumento dei rischi per il commercio globale. Questo potrebbe essere il risultato del rafforzamento delle prospettive di crescita, oltre a un rallentamento ben gestito della Cina e ad un impulso trainato da riforme strutturali in Paesi come l’India.

Il segmento del debito dei mercati emergenti non ha avuto la stessa sorte. Marzo ha rappresentato il primo mese di deflussi del 2018 (-0,5 miliardi di dollari), dato il cambiamento del sentiment dopo i flussi positivi di 1,4 miliardi di dollari nei primi due mesi dell’anno.

Voto negativo

Marzo è stato il primo mese di deflussi dal reddito fisso dalle elezioni americane di novembre 2016, con fuoriuscite nette pari a 454 milioni di dollari. L’investment grade in particolare è stato penalizzato, perdendo 1,5 miliardi di dollari di asset nel corso del mese – il maggior deflusso di sempre per questo segmento. Le preoccupazioni degli investitori hanno riguardato i limitati rendimenti del credito dovuto ad un apprezzamento delle valutazioni non eccezionali.

Le esposizioni obbligazionarie governative hanno raccolto oltre 2 miliardi di dollari per il secondo mese consecutivo. Gennaio e febbraio hanno rappresentato il secondo e il terzo mese di maggiori flussi per questa categoria di ETP. La maggioranza dei flussi è stata verso ETP con orizzonte a breve e medio termine (+1,5 miliardi di dollari), evidenza che gli investitori pare abbiano approfittato delle valutazioni più economiche.

Fonte: ETFWorld

Articoli Simili

WisdomTree : ETP a leva, ottobre il mese con più flussi dal 2005

1admin

Lyxor ETF Money Monitor: Mercato europeo in ottobre 2018

1admin

Positive le prospettive a medio termine dell’argento

1admin
UA-10929829-1