ETFWorld.it

BlackRock-iShares : Nuovo trimestre record per gli ETF obbligazionari


Grazie a 44,5 miliardi di dollari di nuovi flussi in entrata nei primi tre mesi del 2017, l’industria globale degli ETF obbligazionari ha registrato il miglior trimestre di sempre, confermando un solido trend nonostante il rialzo ampiamente anticipato dei tassi della Fed a marzo. Il precedente record si era raggiunto nel primo trimestre del 2016 con una raccolta per gli ETF obbligazionari pari a 42,5 miliardi di dollari..….


Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


{loadposition notizie}

Stephen Cohen, Responsabile Fixed Income Beta presso BlackRock


A livello globale, iShares ha raccolto 20,3 miliardi di dollari, guidati dall’interesse degli investitori per il credito investment grade, per il debito dei mercati emergenti e per i governativi americani.

Principali evidenze globali

Credito investment grade statunitense: nonostante un rialzo dei tassi, il credito investment grade statunitense ha registrato una forte domanda sulla scia di positivi dati economici. Il segmento ha visto afflussi per 14,4 miliardi di dollari.

I TIPS al top: continua il trend registrato a fine 2016 con una propensione degli investitori verso esposizioni inflation-linked come i TIPS (titoli del Tesoro protetti da inflazione) per proteggere i loro portafogli dal potenziale aumento dell’inflazione. A livello globale gli ETF sui TIPS hanno attirato 3,6 miliardi di dollari di flussi nel 1Q.

Gli emergenti colpiscono ancora: a seguito delle elezioni americane, gli ETF obbligazionari e azionari dei mercati emergenti hanno registrato forti deflussi a causa di preoccupazioni in merito ad un aumento del protezionismo. Quest’anno la situazione è cambiata, con una intensificazione dei flussi in ingresso a marzo, raggiungendo 15,6 miliardi di dollari nel trimestre.

Mentre gli investitori statunitensi prediligono le esposizioni in valuta forte, quelli europei restano indifferenti tra debito dei mercati emergenti denominato in dollari o in valute locali. All’interno della gamma europea di iShares, gli ETF sul debito dei mercati emergenti, sia denominati in valuta locale sia forte, hanno registrato i maggiori afflussi da inizio anno tra le diverse asset class.


Fonte per tutti i dati: BlackRock Business Intelligence, al 31 marzo 2017

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

Lyxor fa evolvere il dispositivo assicurativo di copertura dei passivi sociali di ENGIE

Redazione

BGSAXO : Improvvisamente, dal nulla ecco l’ETF dei futures su Bitcoin

Redazione

HANetf : Prezzo del gas in aumento: opportunità per un cambio di rotta

Redazione