ETFWorld.it
Image default

Boost Etp: Report sui flussi globali di ETF/ETP S&L per il mese di marzo 2016

Gli asset investiti negli ETP short e leverage hanno raggiunto globalmente la cifra record di 71,2mldUSD, in rialzo del 4,9% YTD, secondo i dati di WisdomTree....


Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


{loadposition notizie}

Nick Leung, Research Analyst presso WisdomTree Europe


La drastica correzione che quest’anno ha interessato i mercati azionari e delle commodity alimenta i timori di una decelerazione dell’economia mondiale trainata dalla Cina. Provocando un significativo riposizionamento ribassista da parte degli investitori in prodotti short e leverage (S&L), gli AUM globali degli ETP S&L sono saliti alla cifra record di 71,2mldUSD.

– E’ peggiorato il sentiment sull’azionario globale poiché gli investitori in prodotti short e a leva si sono riposizionati con decisione: hanno riscattato 4,3mldUSD dagli ETP long e riversato 3,1mldUSD sugli ETP short che replicano i principali benchmark azionari.

– Il contesto di tassi a zero o inferiori allo zero ha rafforzato le previsioni pessimistiche degli investitori sulla crescita. L’introduzione del tasso di deposito negativo da parte della Banca del Giappone ha accelerato il posizionamento ribassista sugli ETP azionari giapponesi S&L: 590mlnUSD sono confluiti negli ETP short, mentre gli ETP long hanno registrato deflussi per un valore di 720mlnUSD.

– Incoraggiati dal pacchetto di stimoli adottato dalla BCE nel mese di marzo, gli investitori S&L hanno incrementato di 152mlnUSD l’esposizione short sul debito tedesco.

– Il rimbalzo dei prezzi del petrolio ha animato il riposizionamento opportunistico da parte degli investitori S&L con 400mlnUSD di flussi in uscita dagli ETP long e 155mlnUSD di flussi in entrata sugli ETP short che replicano il greggio.

BOOST ETP ha annunciato la pubblicazione del Report sui flussi globali di ETF/ETP S&L per il mese di marzo 2016. La relazione mostra che a fine marzo le masse gestite riguardanti i prodotti ETP S&L hanno raggiunto un nuovo record pari a 71mldUSD, in rialzo del 4,9% dall’inizio dell’anno. Il report indica che gli investitori continuano ad incrementare l’uso di prodotti ETP S&L a livello globale.

18052016

Nick Leung, Research Analyst presso WisdomTree Europe, ha così commentato: “I timori di un collasso dell’economia su scala mondiale hanno provocato il significativo riposizionamento al ribasso da parte degli investitori S&L poiché l’elevata volatilità ha spinto gli AUM S&L ad un nuovo picco record pari a 71mldUSD.

Il sentiment sull’azionario globale è crollato, in un contesto di crescente pessimismo sull’outlook per la crescita mondiale, poiché gli investitori S&L hanno riscattato 4,3mldUSD dagli ETP long e hanno riversato 3,1mldUSD negli ETP short che replicano i principali benchmark azionari. Il segmento azionario è stato penalizzato soprattutto negli Stati Uniti e in Corea del Sud, dove gli investitori S&L hanno reagito all’intensificarsi delle preoccupazioni circa un atterraggio brusco per l’economia cinese e ai rinnovati timori di un collasso del sistema bancario in Europa con una drastica inversione delle posizioni. Al contempo, anche i tassi a zero e inferiori allo zero hanno a loro volta contribuito a intaccare l’outolook sulla crescita globale; l’introduzione del tasso di deposito negativo da parte della Banca del Giappone ha accelerato il posizionamento risk off sugli ETP azionari giapponesi S&L con 720mlnUSD di flussi in uscita dagli ETP long e 590mlnUSD di flussi in entrata sugli ETP short. Per contro, gli investitori in obbligazionario S&L sono stati incoraggiati dall’estensione del pacchetto di stimoli della BCE a marzo, mentre il calo dei rendimenti dei Bund induceva gli investitori S&L a incrementare la propria esposizione corta sul debito tedesco. Riguardo alle commodity, il rimbalzo dei prezzi del petrolio rispetto ai minimi toccati a gennaio ha incoraggiato il riposizionamento opportunistico da parte degli investitori S&L con 400mlnUSD di deflussi dagli ETP long e 155mlnUSD di afflussi negli ETP short che replicano il greggio”.

Gli investitori in ETP S&L possono esprimere un sentiment sia ottimistico che pessimistico investendo o in prodotti ETP leverage oppure short. Pertanto le masse in gestione degli ETP S&L sono in grado di rivelare un più ampio spettro di sentiment degli investitori di quanto non facciano i dati sui flussi o gli AUM per i fondi comuni e gli altri ETP. Poiché gli ETP S&L in genere sono detenuti in portafoglio per periodi più brevi e impiegati maggiormente per un posizionamento tattico, i dati sui flussi e gli AUM per gli ETP S&L offrono un interessante spaccato sul sentiment dei mercati di una gamma relativamente sofisticata di investitori. Il report sui flussi globali di ETF/ETP S&L evidenzia i flussi e i trend chiave degli ETP S&L per le diverse asset class ed aree geografiche.

Oggi gli ETP S&L coprono tutte le principali asset class ed aree geografiche. In termini di asset allocation a fine marzo, gli ETP azionari sono risultati i più popolari con il 72% di AUM totali (52,6mldUSD), seguiti dai titoli di debito (12%, 7mldUSD) e dalle commodity (9%, 6,8mldUSD). Nel segmento azionario, la maggior parte delle masse in gestione è concentrata sulle large e small cap USA (19mldUSD), sui titoli dell’Asia Pacifica (15,9mldUSD) e quelli europei (5,7mldUSD). In Europa, gli indici europei broad based sono i più popolari (masse gestite per 2,5mldUSD), seguiti dalla Germania (1,4mldUSD), dall’Italia (552mlnUSD) e dalla Francia (566mlnUSD). Sul fronte dei titoli di debito, la maggior parte degli AUM coinvolge i governativi USA (3,6mldUSD), quelli tedeschi (1,5mldUSD), italiani (254mlnUSD) e i titoli di Stato focalizzati sulla regione europea (216mlnUSD). Riguardo alle commodity, il petrolio è il più popolare (AUM per 4,4mldUSD), seguito dall’oro (705mlnUSD), dal gas naturale (637mlnUSD) e dall’argento (623mlnUSD).

Gli investitori si rivolgono sempre più spesso agli ETP S&L per svariate ragioni. Siamo in presenza di una più ampia disponibilità di prodotti, di una maggiore conoscenza degli stessi dovuta al miglioramento delle fonti d’informazione e di un aumento della domanda per strumenti di copertura e con effetto leva. Esiste anche un movimento verso strumenti indipendenti, trasparenti ed exchange traded come gli ETF e gli ETP.

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

Lyxor Dauphine Research Academy – Quale ruolo la gestione passiva ha lasciato a quella attiva?

1admin

Van Eck : Nei mercati emergenti permane il potenziale di straordinaria crescita

1admin

Positive le prospettive a medio termine dell’argento

1admin
UA-10929829-1