ETFWorld.it

Caratteristiche ETFPlus

Caratteristiche ETFPlus

A partire dal 2 aprile 2007 è nato il mercato ETFPlus il mercato regolamentato telematico di Borsa Italiana ….

interamente dedicato alla negoziazione in tempo reale degli strumenti finanziari che replicano l’andamento di indici e di singole materie prime:

  • ETF (Exchange traded funds)

  • ETF strutturati

  • ETC (Exchange traded commodities)

ETFplus risponde alla necessità di creare un ambiente unico in cui negoziare anche altre tipologie di strumenti finanziari:

 

Gli ETF strutturati si differenziano dagli ETF tradizionali in quanto consentono all’investitore di replicare l’andamento degli indici benchmark con effetto leva (ETF con leva finanziaria) oppure permetteranno di proteggersi da eccessivi ribassi del mercato di riferimento (ETF con protezione parziale del capitale).

 

Gli Exchange Traded Commodities (ETC), sono strumenti finanziari emessi a fronte dell’investimento diretto dell’emittente o nelle materie prime (ad esempio l’oro) o in contratti derivati sulle materie prime.

 

Il prezzo degli ETC è, pertanto, legato direttamente o indirettamente all’andamento del sottostante, esattamente come il prezzo degli ETF è legato al valore dell’indice a cui fanno riferimento.

 

Con gli ETC si ampliano le opportunità d’investimento: l’investitore potrà infatti prendere posizione su di una singola materia prima, possibilità preclusa agli ETF che per ragioni di natura regolamentare (Direttiva sugli Organismi d’Investimento Collettivi del Risparmio UCITS III) devono garantire un certo grado di persificazione.

 

ETFplus è articolato in tre segmenti che riflettono le perse tipologie di strumenti che saranno negoziate sul mercato:

SegmentI:

  •  a) dedicato alla negoziazione di quote o azioni di ETF;

  •  b) dedicato alla negoziazione di quote o azioni di ETF strutturati;

  •  c) dedicato alla negoziazione di ETC.

Esattamente come gli ETF, ETC ed ETF strutturati sono negoziati in Borsa come un comune titolo azionario.

Gli investitori tramite il proprio intermediario possono quindi in qualunque momento della giornata borsistica (dalle 9.05 alle 17.25) comprare e vendere questi strumenti al loro prezzo di mercato.

 

La liquidità è garantita dalla presenza costante di operatori professionali (market makers) con obblighi di quotazione definiti da Borsa Italiana in termini di massima distanza percentuale tra prezzo denaro-lettera e quantità minima da esporre in acquisto e in vendita sul book di negoziazione.

 

Il mercato MTF, sede delle negoziazioni degli ETF dal 2002, rimane dedicato alla negoziazione di quote di fondi chiusi e di azioni di Investment Companies.

 

Com’era in passato l’MTF

Nel mese di luglio 2002 Borsa Italiana ha inaugurato un nuovo mercato regolamentato, il cui nome è MTF, sigla che significa Mercato Telematico dei Fondi.

 

Su questo mercato erano inizialmente quotati soltanto i fondi chiusi, ma a partire dal 30 di settembre 2002 hanno iniziato ad essere scambiati e trattati i primi ETF (Exchange Traded Funds), la cui modalità di negoziazione è sostanzialmente identica a quella prevista per le azioni.

Gli strumenti finanziari trattati su questo mercato sono suddivisi in due classi caratterizzate da orari diversi:

 

CLASSE 1

Classe di Appartenenza Strumenti Negoziati Orario Fase di Negoziazione
CLASSE 1 ETF (Exchange-Traded Funds) OICR Indicizzati 09,05 – 17,25 Negoziazione Continua

Come si puo’ vedere nella tabella qui sopra, alla Classe 1 appartengono gli ETF e i Fondi Aperti Indicizzati.
Tali strumenti vengono negoziati in continua dalle 9,10 alle 17,25.

 

CLASSE 2

Classe di Appartenenza Strumenti Negoziati Orario Fase di Negoziazione
CLASSE 2 Fondi Chiusi Mobiliari Fondi Chiusi Immobiliari 08,00 – 10,50 Asta di Apertura – Fase di Pre-asta
10,51 – 10,55 Asta di Apertura – Fase di – Validazione
10,55 – 11,00 Asta di Apertura – Fase di Apertura
11,00 – 16,35 Asta di Chiusura – Fase di Pre-asta
16,36 – 16,40 Asta di Chiusura – Fasi di Validazione e Chiusura

Alla Classe 2 appartengono i Fondi Chiusi Mobiliari e Immobiliari.

 

Per la negoziazione di tali strumenti sono invece previste un’asta di apertura (dalle 8,00 alle 11,00) sudpisa in tre fasi una fase di pre – asta ( dalle 08,00 alle 10,50) seguita da cinque minuti di validazione , una fase di apertura (che va dalle 10,55 alle 11,00) e un?asta di chiusura (dalle 11,00 alle 16,40) sudpisa a sua volta in una fase di pre – asta seguita da una fase di validazione e di chiusura (dalle 16,36 alle 16,40).

Esistono delle regole precise sul mercato MTF. In particolare riportiamo i limiti di variazione dei prezzi che i vari strumenti non possono eccedere:

1. Il limite massimo di variazione del prezzo delle proposte dal prezzo di controllo è pari al 10%;

2. Il limite massimo della variazione dei prezzi dei contratti dal prezzo di controllo è pari al 3,5%;

3. Il limite massimo di variazione dei prezzi fra due contratti consecutivi è pari al 1,5%;

Attraverso queste restrizioni la Borsa Italiana riesce a controllare in automatico le irregolarità nelle contrattazioni.

 

Bisogna pero’ tenere presente che tali limiti non sono validi per gli OICR Indicizzati; infatti per questi strumenti bisogna tenere conto della volatilità storica del sottostante, oltre alla liquidità. Per gli OICR la Borsa Italiana si riserva di fissare quindi nuovi limiti, persi da quelli appena citati.

Articoli Simili

ETF cosa sono

Falco64

Storia ETF in Italia

Falco64

Storia ETF in America

Falco64