fbpx
ETFWorld.it

Giangrande Mauro Deutsche Bank ETF

Deutsche AM : Il punto sulle obbligazioni societarie USD

Spread interessanti per le obbligazioni USD – marcati differenziali tra i segmenti…..


Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente

Deutsche AM Passive Insights

Mauro Giangrande, Head of Passive Distribution for Southern Europe di Deutsche AM


{loadposition notizie}

Per un numero sempre più elevato di investitori, le obbligazioni in dollari USA rappresentano una componente interessante del portafoglio, probabilmente a causa del vantaggio offerto in termini di rendimento. Il differenziale di interesse tra i Treasury USA e le obbligazioni federali decennali, pari al 2% circa, è prossimo al livello record segnato a fine 2016[1]. Le dimensioni del mercato e la liquidità sono ulteriori fattori di rilievo a sostegno dei titoli denominati in dollari USA. Il segmento delle obbligazioni societarie globali ha infatti raggiunto un volume complessivo equivalente a oltre 8.000 miliardi di dollari, di cui la quota principale, pari a circa 5.000 miliardi[2] e in continuo aumento, riguarda i titoli denominati in dollari.

Dalle obbligazioni societarie ai titoli di stato, fino alle obbligazioni dei mercati emergenti denominate in dollari, gli investitori nell’area del dollaro hanno a disposizione un’ampia gamma di indici con sufficienti dimensioni di mercato. I Treasury USA, le obbligazioni societarie e le obbligazioni garantite rappresentano oltre l’80% dell’intero mercato delle obbligazioni in dollari USA, ma date le dimensioni del mercato complessivo, vi sono anche altri segmenti abbastanza ampi da offrire vantaggi in termini di diversificazione e varietà di profili rischio/rendimento.

Non sorprende, quindi, che gli investitori in valute a basso tasso d’interesse ricorrano sempre più spesso alle obbligazioni in USD. Nel 2017, l’afflusso di capitali di investitori europei verso ETF investiti in titoli governativi USA e obbligazioni dei mercati emergenti denominate in USD è stato nettamente superiore rispetto al flusso verso prodotti equivalenti denominati in euro. Tuttavia, gli investitori devono tenere sotto controllo i relativi rischi, che in senso stretto comprendono i rischi di credito, per esempio nei confronti di emittenti dei mercati emergenti, il rischio di selezione in ciascun segmento e i rischi valutari derivanti da possibili oscillazioni tra la valuta domestica dell’investitore e il dollaro USA.

Attualmente, vi è un aspetto che risulta di particolare interesse per gli investitori: negli ultimi anni la struttura dei rendimenti delle obbligazioni societarie in USD di categoria investiment grade è profondamente cambiata, e in questo momento lo spread di credito tra obbligazioni societarie e Treasury USA rappresenta quasi la metà del rendimento totale. Questo significa che, rispetto ai titoli governativi, le obbligazioni societarie USA sono attualmente più interessanti per gli investitori alla ricerca di investimenti fruttiferi. Dieci anni fa, questo differenziale di rendimento era inferiore[3].

Concentrarsi sull’elemento dello spread di credito è pertanto fondamentale nella ricerca di rendimento. Gli spread di credito dovrebbero essere valutati come componenti del reddito a lungo termine disponibile per gli investitori, anche al netto dei costi della copertura valutaria.

Tuttavia, ciò dipende dalla capacità degli investitori di scegliere attentamente i giusti segmenti del mercato delle obbligazioni in dollari USA. Varie configurazioni sono possibili per diversi gruppi di investitori, a seconda della loro tolleranza al rischio e del rispettivo orizzonte di investimento. Per esempio, vi sono notevoli differenze tra i profili rischio/rendimento delle obbligazioni societarie con un rating di categoria investimento e le obbligazioni governative dei mercati emergenti. Lo stesso vale per la differenza tra i titoli governativi dei mercati emergenti e i titoli societari ad alto rendimento.

Gli investitori in obbligazioni societarie possono aspettarsi spread ponderati in base alla capitalizzazione di mercato attorno ai 120 punti base, con un rating medio pari a A-. D’altro canto, le obbligazioni dei mercati emergenti offrono spread di circa 280 punti base, mentre gli spread delle obbligazioni societarie ad alto rendimento si attestano a circa 360 punti base – ma al prezzo di un profilo di rischio di credito nettamente superiore[4].


[1]Dati a fine gennaio 2018, fonte: Bloomberg

[2]Passive Insights: Obbligazioni USD – Strumenti per il beta strategico, Deutsche Asset Management, giugno 2017

[3]Passive Insights: Obbligazioni USD, op. cit.

[4]Passive Insights: Obbligazioni USD, op. cit. Dati sugli spread al 31.12.2017

Fonte: ETFWorl

Articoli Simili

WisdomTree – Perché l’ oro potrebbe arrivare a 2340 dollari l’oncia a fine 2021

Redazione

Rize ETF Carne “alternativa”, i consumatori spingono la crescita del settore

Redazione

21Shares : Bitcoin: la correzione di lunedì 11 e le somiglianze con il 2017

Redazione