fbpx
ETFWorld.it

FIDA Immagine articolo

FIDA Analisi di Scenario : trimestre da record

FIDA: Performance eccellenti messe a segno dai mercati azionari, accostate a risultati ben più tiepidi dell’obbligazionario. Le basi dalle quali nasce il nuovo anno mostrano un buon livello di fiducia da parte degli investitori ed una certa propensione al rischio.. …

Se vuoi ricevere le principali notizie di ETFWorld.it iscriviti alle Nostre Newsletters gratuite. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


A cura di Monica F. Zerbinati – FIDA

Riproduzione vietata


Dati macro

I dati macro dell’ultimo trimestre 2019 disegnano un contesto complessivamente buono e ben strutturato.

In Europa si riscontrano dati oltre le aspettative, ad esempio l’IPC che ha raggiunto quota 1.3%. Bene anche lo Zew che migliora dal -23.5 di ottobre, tornando in positivo a 11.2 contro il -17.7 atteso. Buone nuove anche con il Pil, in crescita da 1.1% a 1.2%.

Negli Usa la situazione è più contrastata: da un lato la disoccupazione in calo ritorna a 3.5%, i minimi storici, dall’altro l’inflazione delude le aspettative, l’indice di Filadelfia si contrae e i consumi si mostrano contenuti.

In Giappone gli indici di Tankan sono in discesa, soprattutto nel settore manifatturiero, mentre il Pil procede bene.

In Cina il Caixin è in peggioramento ma comunque su ottimi livelli.

Mercati azionari

Il focus sul quarto trimestre dell’anno da poco concluso mette in luce un quadro straordinariamente positivo. Le performance dei listini azionari raggiungono livelli ragguardevoli, ed a primeggiare troviamo Mosca con un meraviglioso +16%. L’Irlanda segue a +15%, troviamo poi il Nasdaq a 12.7%. complessivamente gli Usa si posizionano bene, con i tecnologici che sovraperformano gli industriali.

Le piazze asiatiche si dispongono in ordine sparso: tra queste si distingue il Giappone, che avanza di oltre 8 punti percentuali.

Bene anche l’India, mentre la Cina si deve “accontentare” di un +5%. Per quanto riguarda i mercati europei, anche qui c’è una certa dispersione dei risultati. La piazza migliore è l’Irlanda a +15%.

L’Europa continentale ottiene risultati tra il 4% ed il 6.6%, mentre tra i Paesi mediterranei primeggia l’Italia a +6.3%. Non male anche le piazze scandinave, quella svedese in testa. Tra i risultati più deludenti troviamo la borsa di Londra, che avanza meno di due punti percentuali.

Si registra quindi un notevole miglioramento rispetto al terzo trimestre, durante il quale il crollo che aveva coinvolto pressoché tutti i mercati in agosto aveva avuto un peso importante

FIDA FFI Azionari Regno Unito Mid e Small 17,09%
FIDA FFI Azionari Brasile 12,10%
FIDA FFI Azionari Europa (Mercati Sviluppati ex UK) Mid e Small 11,54%
FIDA FFI Azionari AUD Hdg 11,46%
FIDA FFI Azionari GBP Hdg 10,75%
FIDA FFI Azionari Paesi Nordici 10,47%
FIDA FFI Azionari BRIC 10,34%
FIDA FFI Azionari Grande Cina 9,98%
FIDA FFI Azionari Russia 9,95%
FIDA FFI Azionari Europa (Mercati Sviluppati) Mid e Small Growth 9,89%

Top 10 categorie azionarie per rendimento a tre mesi (dati al 31/12/2019)


Gli indici sul risparmio gestito focalizzato su specifiche aree geografiche mettono in luce alcuni elementi di successo della gestione attiva.

I comparti maggiormente performanti sono stati quelli specializzati sulle mid e small del Regno Unito, che avanzano mediamente del 17%. Sicuramente parte del risultato è da imputare all’apprezzamento della sterlina, che nell’ultimo trimestre è avanzata del 4.5% contro euro. Performance a doppia cifra anche per i fondi sul Brasile, che trascina i BRIC, sulle economie europee sviluppate e sui Paesi scandinavi.

Ovunque le società a bassa capitalizzazione hanno generato, in media, ritorni superiori a quelle di maggiori dimensioni, in controtendenza rispetto al trimestre precedente. Le società growth avanzano più delle value.

FIDA FFI Azionari Settoriali Biotecnologia 17,67%
FIDA FFI Azionari Settoriali Farmaceutico e Sanitario EUR Hdg 15,96%
FIDA FFI Azionari Settoriali Farmaceutico e Sanitario 9,81%
FIDA FFI Azionari Settoriali IT (Europa) 9,40%
FIDA FFI Azionari Settoriali Metalli e Minerali 9,34%
FIDA FFI Azionari Settoriali Metalli Preziosi e Minerali EUR Hdg 8,59%
FIDA FFI Azionari Tematici Socialmente Responsabili (Mercati Emergenti) 8,46%
FIDA FFI Azionari Settoriali Finanza (Europa) 8,41%
FIDA FFI Azionari Settoriali IT (Globale) 8,33%
FIDA FFI Azionari Settoriali Immobiliare (Europa) 8,05%

Top 10 categorie settoriali per performance a tre mesi (dati al 31/12/2019)

Dal punto di vista settoriale, biotech e pharma dominano le classifiche con un notevole vantaggio. IT e finanza, tipicamente pro-ciclici, occupano posizioni di rilievo. L’investimento ESG rappresenta un ulteriore primario elemento di successo.

A cedere – di oltre quattro punti percentuali – sono le utilities, ed anche il real estate indietreggia dopo le buone performance del periodo precedente.

Mercati obbligazionari e valutari

Rispetto al terzo trimestre, le variazioni degli indici obbligazionari denunciano più di qualche difficoltà. Non mancano le soddisfazioni, in particolare legate ai comparti esposti alla sterlina inglese, che mediamente sovraperformano il sottostante. Trascinati dal rally dell’equity, i comparti esposti ad asset convertibili conquistano le vette delle classifiche, soprattutto sul mercato europeo. Nel vecchio continente, infatti, convertibili e high yield sono gli unici fattori che hanno prodotto rendimenti positivi nel periodo considerato. Gli short term perdono meno dei long term.

Nell’ottica di un investitore europeo, l’esposizione al debito Usa si è rivelata complessivamente negativa, soprattutto sulle scadenze lunghe. I rendimenti elevati hanno dato qualche soddisfazione, ma i governativi a lungo termine hanno lasciato oltre tre punti percentuali sul terreno.

Situazione contrastata sui principali mercati asiatici: ottimi ritorni sui comparti focalizzati sul debito cinese, mentre dal Giappone si registrano perdite rilevanti, superiori al deprezzamento dello yen.

FIDA FFI Obbligazionari GBP Hdg 5,32%
FIDA FFI Obbligazionari Convertibili Globali EUR Hdg 3,13%
FIDA FFI Obbligazionari Settoriali – Finanza (Globale) 2,88%
FIDA FFI Obbligazionari Sterlina Corporate e Governativi 2,54%
FIDA FFI Obbligazionari Convertibili Globali 2,00%
FIDA FFI Obbligazionari Convertibili Euro 1,76%
FIDA FFI Obbligazionari America Latina 1,74%
FIDA FFI Obbligazionari (EUR Hdg) Mercati Emergenti 1,73%
FIDA FFI Obbligazionari Globali (Mercati Emergenti) Valute Locali 1,67%
FIDA FFI Obbligazionari (EUR Hdg) Global High Yield 1,64%

Top 10 categorie obbligazionarie per performance a tre mesi (dati al 31/12/2019)


In breve, il 2019 è stato archiviato con un trimestre brillante sui mercati azionari e lievemente contrastato sull’obbligazionario, sul quale però è da rilevare l’importante effetto del rischio valuta.

È piacevole notare il ritorno della decorrelazione tra le due tipologie di asset, che permette di stabilizzare il profilo di rischio di portafoglio mantenendo un buon livello di redditività.

Nel corso dell’anno i dati macroeconomici su scala mondiale registrano un miglioramento apprezzabile che, congiuntamente alla politica fiscale espansiva che ha coinvolto buona parte delle aree sviluppate, Usa e Giappone in primis, farebbe propendere per un rafforzamento della crescita economica nel nuovo anno.

A questo si aggiunge la tregua commerciale tra Usa e Cina e l’idea di una Brexit ordinata che si fa più concreta.

Le svolte accomodanti della BCE e della Fed dovrebbero continuare a sostenere i mercati.

L’ipotesi di una recessione capace di far crollare i mercati è quantomeno remota, ma è opportuno sottolineare come, a fronte delle ultime iniziative delle banche centrali, gli spazi di manovra per fronteggiare un’eventuale crisi sono decisamente limitati. Si tratta quindi di un evento con ridotte probabilità di manifestazione ma con un impatto atteso di rilievo.

Dal punto di vista operativo diverse sono le strade percorribili, non necessariamente alternative.

– Mantenere una lieve sovraesposizione all’azionario può generare ritorni interessanti, avendo cura di lasciar correre le posizioni in attivo con un serrato trailing stop. I ribilanciamenti periodici dovrebbero essere volti prevalentemente a liberare liquidità.

– La decompressione sui bond dell’ultimo trimestre potrebbe infine rappresentare una buona occasione di acquisto di asset di buona liquidità e con duration contenuta.

– Il petrolio è ora su livelli piuttosto neutrali, una piccola esposizione potrebbe essere ragionevole e potrebbe beneficiare di eventuali fiammate di breve periodo.

oro

– Per l’oro il discorso è più delicato, essendo particolarmente caro. Si raccomanda quindi un attento monitoraggio e si individuano i livelli di inizio dicembre come ottimali per un incremento della quota in portafoglio.

 Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

Oro e ETF : Bene rifugio e fonte di diversificazione

Redazione