ETFWorld.it

McNeil Hector HANetf

HANetf quota due nuovi ETF in Borsa Italiana

HANetf ha avviato oggi le quotazioni su Borsa Italiana di due nuovi ETF tematici: l’iClima Distributed Renewable Energy UCITS ETF (ticker: DGEN), il primo ETF al mondo sulle energie rinnovabili distribuite, e lo U.S. Global Jets UCITS ETF (ticker: JETS), il primo exchange traded fund europeo specifico sull’industria aerea globale. 

Se vuoi ricevere le principali notizie di ETFWorld.it iscriviti alle Nostre Newsletters gratuite. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Hector McNeil, co-fondatore e co-CEO di HANetf


I due nuovi fondi aspirano a catturare la crescente attenzione degli investitori verso due trend di mercato molto distanti tra loro, ma resi ugualmente attuali dalla situazione vissuta nel corso dell’ultimo anno.

La pandemia ha infatti accresciuto l’interesse degli investitori nei confronti delle tematiche sostenibili, a favore della tutela ambientale. Allo stesso tempo, i settori maggiormente penalizzati dalle chiusure imposte per contenere la diffusione dei contagi come quello dei viaggi e dell’industria aerea, sono oggi con il riavvio dell’economia tra i favoriti, con un grande potenziale di rialzo in termini di domanda.

Qui di seguito una breve sintesi delle specifiche dei due ETF:

La fintech a impatto ambientale iClima Earth, lancia il primo ESG UCITS exchange traded fund al mondo, l’iClima Distributed Renewable Energy UCITS ETF (ticker :DGEN), che fornisce l’esposizione alle società che promuovono la decentralizzazione della produzione di energia pulita. La generazione di energia rinnovabile distribuita è l’ecosistema che permette di creare e di usufruire di energia verde in prossimità del punto di utilizzo. L’ETF sulle energie rinnovabili distribuite è oggi disponibile su Borsa Italiana grazie alla piattaforma white label indipendente HANetf.

L’energia rinnovabile distribuita coinvolge tecnologie convergenti di decarbonizzazione come i pannelli solari residenziali, contatori intelligenti, energia da veicolo a rete (‘V2G’), caricatori di veicoli elettrici, inverter intelligenti e soluzioni software che sfruttano l’intelligenza artificiale per gestire il sistema. Queste soluzioni, se accoppiate a sistemi di stoccaggio dell’energia, possono portare una varietà di benefici tra cui il controllo della frequenza di trasmissione dell’energia, la diminuzione del sovraccarico delle linee di trasmissione più datate, il supporto bilanciato e continuo della fornitura di elettricità e l’incremento dell’affidabilità complessiva del sistema.

iClima sostiene che il successo dell’energia distribuita in contrapposizione a un modello di rete centralizzata sempre più obsoleta e basata su grandi installazioni di combustibili fossili, è stato spinto dal decentramento del settore energetico, combinato con la digitalizzazione dei controlli di rete, l’efficienza energetica e la decarbonizzazione delle risorse.

Negli Stati Uniti, fare uso di 2/3 dei tetti adatti al solare fotovoltaico per generare elettricità potrebbe sostituire la produzione annuale di elettricità del Paese proveniente dal carbone, che nel 2019 ha rappresentato il 23% di tutte le fonti di produzione di elettricità degli USA. Si prevede che entro il 2030 ben 846 miliardi di dollari saranno investiti in fonti Energetiche Rinnovabili Distribuite.

L’iClima Distributed Renewable Energy UCITS ETF, avrà un TER dello 0,69%, seguirà l’iClima Distributed Renewable Energy Index TR che fornisce esposizione a 50 aziende distribuite in sette sotto settori direttamente collegati al crescente modello di business della Generazione Distribuita (“DER”).  Negli ultimi 12 mesi, l’indice è cresciuto del 144,43% e del 322% dall’inizio del 2017.

Gabriela Herculano, CEO di iClima Earth, ha dichiarato:  “Il nostro obiettivo è quello di ridefinire gli investimenti sui cambiamenti climatici, spostando l’attenzione dalle aziende che compiono azioni atte a ridurre le emissioni di carbonio, a quello che offrono prodotti e servizi che consentono di evitare la produzione di CO2. Il nostro nuovo ETF sulle energie rinnovabili decentralizzate, DGEN, offre agli investitori l’opportunità di investire in aziende all’avanguardia nell’enorme mercato in rapida crescita delle energie rinnovabili a generazione distribuita e punta i riflettori sulle aziende che consentono la generazione e l’immagazzinamento di energia elettrica proveniente da fonti di energia rinnovabile in modo locale, decentralizzato e modulare, riducendo l’impatto ambientale e aumentando la sicurezza dell’approvvigionamento”.

Hector McNeil, Co-CEO di HANetf ha aggiunto: “iClima ha un approccio unico ed entusiasmante, che offre la possibilità di investire in aziende che sono in prima linea nella lotta al cambiamento climatico, e siamo lieti che stiano lavorando con noi per sviluppare i loro ETF. iClima inoltre, è ben posizionato per catturare la crescente attenzione degli investitori su ESG. iClima Distributed Renewable Energy UCITS ETF (DGEN) è un altro valore aggiunto e un prodotto unico che HANetf sta aggiungendo al suo fiorente portafoglio di ETF tematici. L’innovativa piattaforma di HANetf permette agli asset manager di lanciare nuovi ETF in tempi record e offrire agli investitori i tematici che stanno cercando”.

Informazioni sul prodotto:

Nome iClima Distributed Renewable Energy UCITS ETF
ISIN IE00BLCH4S17
Valuta di negoziazione EUR
Valuta di denominazione USD
Indice di riferimento iClima Distributed Renewable Energy Index TR
Dividendi Capitalizzati
T.E.R. 0,69 %

U.S. Global Jets UCITS ETF (ticker: JETS). Il fondo tematico traccia le compagnie aeree commerciali internazionali, la produzione di aeromobili ed i servizi aeroportuali e di terminal.

Prima dell’avvento del Covid-19 l’industria aerea era in piena espansione; oggi, con la campagna vaccinale che registra ottimi risultati in tutto il mondo e l’economia globale in fase di ripartenza, gli investitori hanno l’opportunità di prendere parte alla ripresa di un settore che è stato fortemente colpito dalle misure di contenimento della pandemia.

L’aviazione commerciale ha ancora tempi difficili davanti a sé, ma ora che i viaggi di piacere sono tornati ad essere una possibilità concreta le quattro maggiori compagnie statunitensi – American, United, Delta e Southwest – hanno già registrato una forte ripresa della perfomance raddopiando o triplicando il valore dai ribassi di inizio pandemia nel Marzo 2020.

L’ETF avrà un Total Expense Ratio di 0,65 punti base e seguirà l’indice U.S. Global Jets che ha ottenuto un rendimento back-tested del 57,32% negli ultimi 12 mesi e del 19,28% dalla data di lancio (30/06/2011).

US Global Investors ha quotato il suo US Global Jets ETF negli Stati Uniti nel 2015 ed è ad oggi uno degli exchange traded fund principali per investire nel settore delle compagnie aeree. Attualmente gli asset in gestione ammontano a poco più di 4 miliardi dollari. US Global Investors porterà tutta l’esperienza acquisita in questi anni in questa gestione e la fornirà per la prima volta agli investitori europei in un ETF UCITS.

Frank Holmes, U.S. Global Investors, Inc. CEO e Chief Investment Officer ha dichiarato: “Qui negli Stati Uniti i viaggi di piacere sono ormai in ripresa mentre il numero totale di vaccini somministrati continua ad aumentare. La campagna vaccinale in UE si è mossa a un ritmo più lento rispetto agli USA. Pertanto, crediamo che ci sia ancora un grande potenziale di rialzo in termini di domanda di voli commerciali europei.

Come negli Stati Uniti anche in Europa si registra la richiesta di strumenti che cerchino di capitalizzare la riapertura dell’economia globale. Secondo l’analisi dell’EFAMA (European Fund and Asset Management Association) sulle tendenze degli investimenti nel 2020, le attività nette degli UCITS sono aumentate del 7,6% durante l’anno, con gran parte di questa crescita nel quarto trimestre quando le scoperte sui vaccini hanno fatto sperare che le restrizioni ai viaggi sarebbero finite prima del tempo. Credo che il nostro U.S. Global Jets UCITS ETF , in collaborazione con HANetf, soddisferà la domanda degli investitori dell’UE e del Regno Unito per un simile prodotto”.

Hector McNeil, co-fondatore e co-CEO di HANetf, ha aggiunto: “Non è un segreto che l’industria dei viaggi abbia sofferto enormemente a causa della pandemia di coronavirus. Tuttavia, ora che la luce in fondo al tunnel inizia a brillare più intensamente, molti investitori hanno già identificato il settore dell’aviazione commerciale come uno dei principali campi d’investimento con il maggior potenziale di crescita per quest’anno.

Con l’abolizione delle restrizioni, ci aspettiamo che il desiderio represso di viaggi internazionali si realizzi rapidamente e per questo abbiamo lanciato l’U.S. Global Jets UCITS ETF (JETS), un mezzo per offrire agli investitori un’esposizione al rinnovato sentimento che abbraccerà il settore aereo. JETS con il suo ETF gemello quotato negli Stati Uniti con 4 miliardi di dollari di asset in gestione e 6 anni di track record, arriverà sul mercato europeo grazie ad HANetf che dà così prova del valore del suo efficiente infrastruttura operativa. Siamo molto entusiasti di collaborare con un gestore così esperto.

La nostra gamma di ETF tematici sta assistendo a una crescita esponenziale, poiché continuano a presentarsi opportunità di sviluppare prodotti nati sia dalla necessità che dall’innovazione. Siamo entusiasti di offrire al mercato europeo degli ETF il suo primo fondo esclusivo del settore aereo”.

Informazioni sul prodotto:

Nome U.S. Global Jets UCITS ETF
ISIN IE00BN76Y761
Valuta di negoziazione EUR
Valuta di denominazione USD
Indice di riferimento U.S. Global Jets Index
Dividendi Capitalizzati
T.E.R. 0,65 %

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

ETC Group lancia in Italia un nuovo prodotto su Digital Assets & Blockchain

Redazione

J.P. Morgan ETF stacco dividendo ETF 12/2021

Redazione

iShares modifica per un ETF

Redazione