fbpx
ETFWorld.it

Il Barometro mensile di Lyxor: Trend mensile del mercato europeo degli ETF – Giugno 2015

I flussi legati al mercato europeo degli ETF hanno subito una battuta d’arresto il mese scorso. La RACCOLTA NETTA MENSILE DI NUOVI CAPITALI (NNA) si è attestata a EUR 47 milioni, a fronte di una media di EUR 8,1 miliardi nei primi quattro mesi del 2015….

Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


a cura di Marlène Hassine, Head of ETF Research di Lyxor.

{loadposition notizie}

Le masse in gestione totali sono aumentate del 22% rispetto alla fine del 2014, attestandosi a EUR 444 miliardi, compreso il notevole contributo della performance di mercato (+14,1%*). I flussi relativi agli ETF azionari hanno registrato una lieve ripresa, mentre quelli degli ETF obbligazionari sono stati negativi per la prima volta in due anni in un contesto di tassi d’interesse sempre più volatili.

I flussi degli ETF azionari sono risaliti a EUR 806 milioni, dopo aver perso EUR 1,5 miliardi ad aprile. Ciò è soprattutto dovuto alla ripresa degli ETF europei con una NNA di EUR 527 milioni. Gli ETF regionali europei hanno registrato afflussi pari a EUR 895 milioni. A livello di singoli Paesi, la Germania ha attirato la maggior parte degli afflussi (EUR 954 milioni), mentre questi sono stati negativi per il Regno Unito in seguito alle elezioni (-EUR 629 milioni). Gli ETF azionari statunitensi sono tornati a perdere terreno con deflussi pari a EUR 507 milioni. Il trend favorevole dei flussi relativi agli ETF azionari giapponesi è proseguito, ma a un ritmo più lento, con una NNA di EUR 345 milioni. I flussi degli ETF azionari sui mercati emergenti hanno raggiunto i massimi degli ultimi 10 mesi, a quota EUR 702 milioni, concentrati in particolar modo su ETF broad based, dal momento che gli investitori stanno iniziando a incrementare la loro esposizione

Gli ETF fixed income hanno subito deflussi per la prima volta in due anni. Quasi tutte le categorie fixed income europee hanno risentito della correzione dei Bund di inizio maggio. Le strategie short hanno evidenziato flussi positivi pari a EUR 123 milioni per il secondo mese consecutivo. Sul fronte opposto, i Titoli di Stato europei hanno subito deflussi (-EUR 683 milioni), al pari dei Corporate Bond “investment grade”(-EUR 442 milioni). Questo contesto più volatile ha favorito i fondi monetari, che hanno continuato a registrare flussi positivi pari a EUR 292 milioni per il terzo mese consecutivo.

Gli afflussi verso gli ETF che permettono un’esposizione all’asset class commodity sono stati prossimi ai massimi di febbraio, a quota EUR 207 milioni, e hanno interessato sia gli ETF globali, sia quelli sui metalli preziosi.

* 75% MSCI ACWI NTR +16,4%, e 25% JPM Global aggregate +7,7%. Tra il 31/12/14 e il 29/05/15 in EUR.

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

Tabula – Gli ETF per prendere posizione nell’attuale fase di incertezza

Redazione

WisdomTree – Dolce o amaro: due scenari per il cacao nel 2021

Redazione

Amundi ETF: Flussi del mercato degli ETF a Ottobre 2020

Redazione