ETFWorld.it
Image default

Invesco quota due nuovi ETF su Borsa Italiana

Invesco ha quotato su Borsa Italiana due nuovi ETF che permettono di accedere a due specifiche aree di mercato: Invesco Goldman Sachs Equity Factor Index Emerging Markets UCITS ETF e Invesco Communications S&P US Select Sector UCITS ETF…..

Invesco Goldman Sachs Equity Factor Index Emerging Markets UCITS ETF consente di espandere la gamma Factor Investing di Invesco negli ETF, oggi rappresentata da Invesco Goldman Sachs Equity Factor Index Europe (AUM al 30/09/2018 pari a $504 millioni*) le cui spese correnti sono state ridotte dallo 0,55% allo 0,45% annuo) e Invesco Goldman Sachs Equity Factor Index World (AUM al 30/09/2018 pari a $655 millioni*), le cui spese correnti sono state ridotte dallo 0,65% allo 0,55% annuo.

Queste strategie mirano  a fornire agli investitori un’esposizione combinata a cinque diversi fattori: Value (1), Momentum (2), Quality (3), Low Volatility (4) e Size (5).

Come dimostrano ricerche accademiche e studi di Goldman Sachs, questi particolari fattori hanno conseguito nel corso del tempo una performance migliore rispetto al mercato in generale.

Al 30 settembre 2018, Invesco Goldman Sachs Equity Factor Index Emerging Markets UCITS ETF ha già raggiunto un AUM pari a 103 milioni di dollari in USD*.

Chris Mellor, Responsabile di EMEA ETF Equity Product Management di Invesco, ha dichiarato: “Finora le strategie fattoriali si sono concentrate sulle economie avanzate, ma la qualità dei dati relativi alle società dei Paesi Emergenti sta migliorando in maniera importante, consentendoci di poter sfruttare gli elementi che hanno contribuito a determinare un rendimento maggiore rispetto all’indice anche in questi mercati nel lungo termine.

Crediamo che Invesco Goldman Sachs Equity Factor Index Emerging Markets UCITS ETF possa rappresentare un valido strumento, perché mira a generare rendimenti migliori rispetto ai benchmark tradizionali, con una minore volatilità.”

Invesco Goldman Sachs Equity Factor Index Emerging Markets UCITS ETF
Indice di riferimento Goldman Sachs Equity Factor Index Emerging Markets Net Total Return
Borsa Borsa Italiana
Codice Bloomberg EFIM IM
ISIN IE00BD5KGK77
Valuta base USD
Valuta di negoziazione EUR
Spese correnti (annue) 0,65%
Commissione di swap (per anno) 0,20%

 

A conferma della forte presenza nel segmento degli azionari settoriali Invesco ha ha quotato Invesco Communications S&P US Select Sector UCITS ETF, un ETF che mira a fornire un’esposizione efficiente al nuovo settore delle comunicazioni appena inserito nell’indice S&P 500, ad un costo più che basso, ovvero lo 0,14% annuo.

Invesco Communications S&P US Select Sector UCITS ETF
Indice di riferimento S&P Select Sector Capped 20% Communications Index
Borsa Borsa Italiana
Codice Bloomberg XLCS IM
ISIN IE00BG7PP820
Valuta base USD
Valuta di negoziazione EUR
Spese correnti (annue) 0,14%
Commissione di swap (per anno) 0,00%

 

Mellor ha dichiarato: “Grazie alla tecnologia, che fornisce un accesso facile e immediato a tutto ciò che si desidera, le comunicazioni sono cambiate in modo sostanziale negli ultimi anni.

Le persone ora ricevono notizie tramite feed online e guardano film on-demand sui loro device quando e dove vogliono.

Le società che forniscono questi servizi stanno beneficiando dell’enorme domanda proveniente da una base clienti internazionale.”

S&P e MSCI hanno modificato le loro classificazioni settoriali “Global Industry Classification Standard” per incorporare questi cambiamenti.

La nuova classificazione settoriale “Servizi di comunicazione” va ad ampliare la precedente definizione  “Servizi di telecomunicazione” così da includere i segmenti dell’Information Technology e dei beni voluttuari.

Tra i 26 titoli azionari del nuovo settore figurano alcune delle società attualmente più grandi e più innovative del mondo, tra cui Twitter, Alphabet, Facebook, NetFlix e Disney.

Le comunicazioni pesano per circa il 10% dell’indice S&P 500, rappresentando  quindi  uno dei settori più importanti dell’indice stesso.

Secondo Invesco, gli ETF settoriali possono essere un valido strumento per gli investitori che desiderano adeguare la loro esposizione di portafoglio alle mutevoli condizioni economiche, ad esempio aumentando l’allocazione ad alcuni settori durante la fase di espansione dell’economia e ad altri durante la fase di recessione.


*  Fonte: Invesco, dati al 30/09/2018

1  Con il temine “Value” si fa riferimento a quelle azioni che sono momentaneamente penalizzate dal mercato in quanto il prezzo è inferiore ad un ipotetico valore d’equilibrio.

2 Con il termine “Momentum” significa investire, soprattutto nel mercato azionario, nelle aziende che sono andate meglio nel periodo appena trascorso..

3 Il fattore “Quality” consente di ottenere un’esposizione a un portafoglio di azioni di società di elevata qualità caratterizzate da modelli operativi sostenibili, che dovrebbero rimanere redditizi a prescindere dal ciclo economico.

4 Il fattore Low Volatility seleziona società le cui quotazioni tendono ad oscillare in modo relativamente contenuto

5 Il fattore “ Size” fa riferimento alla teoria per cui segmenti diversi in termini di capitalizzazione di mercato performano in maniera differente in base al ciclo economico e le società più piccole che tipicamente hanno maggior rischio sistematico garantiscono migliori rendimenti in periodi favorevoli.

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

Amundi innova con un ETF tematico sull’intelligenza artificiale

1admin

UBS amplia l’offerta di ETF su Borsa Italiana

Falco64

Invesco quota un nuovo ETF sul mercato italiano

1admin
UA-10929829-1