ETFWorld.it

Lyxor: Barometro mensile dei flussi degli ETF relativo al mese di Aprile 2017

I flussi legati al mercato europeo degli ETF hanno registrato una netta decelerazione ad aprile 2017.

Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


a cura di Marlène Hassine, Head of ETF Research di Lyxor

{loadposition notizie}

La raccolta netta di nuovi capitali (NNA) durante il mese si è attestata a 4,4 mld di Euro, il livello più basso da dicembre 2016. Le masse in gestione complessive sono in aumento dell’11% rispetto alla fine dello scorso anno, portandosi a 572 mld di Euro, compreso il contributo positivo della performance di mercato (4%). L’azionario europeo e globale ha beneficiato di valutazioni interessanti rispetto agli Stati Uniti.

Gli afflussi negli ETF azionari sono scesi a 2,7 mld di Euro. Ciò è probabilmente attribuibile ai disinvestimenti per 1,6 mld di Euro dalle azioni USA, in un contesto di valutazioni eccessive e incertezza politica nel paese. L’attenuarsi del rischio politico in Europa ha giovato agli ETF azionari del continente, che hanno raccolto nuovi capitali su base netta per EUR 2,4 mld di Euro. I significativi afflussi negli ETF globali a 1,1 mld di Euro hanno continuato a riflettere l’accresciuto ottimismo in uno scenario economico favorevole. Gli ETF azionari dell’Asia Pacifico hanno evidenziato una ripresa, con investimenti per 190 mln di Euro dopo la pubblicazione di solidi dati a sostegno di un giudizio positivo per la regione.  Per quanto concerne l’azionario dei mercati emergenti, gli afflussi sono calati a 768 mln di Euro, poiché le prospettive della Cina hanno destato interrogativi e i prezzi del petrolio hanno evidenziato volatilità. Questi afflussi hanno riguardato quasi esclusivamente gli ETF su indici azionari diversificati dei mercati emergenti. Gli ETF Smart Beta hanno nuovamente conosciuto un’inversione di tendenza con investimenti per 212 mln di Euro. Gli afflussi negli ETF generatori di reddito si sono rivelati significativi (446 mln di Euro) in un contesto di rendimenti in calo, laddove i flussi verso gli ETF Value sono rimasti negativi a quota -164 mln di Euro.

Anche gli ETF obbligazionari hanno registrato afflussi inferiori, a 1,3 mld di Euro. È interessante notare come questi abbiano riguardato perlopiù gli ETF sul debito dei mercati emergenti, con investimenti per 950 mln di Euro in un contesto di continua ricerca di rendimento. In un panorama politico meno rischioso, i flussi verso gli ETF sui titoli di Stato europei sono divenuti positivi, con una NNA di 212 mln di Euro. La stessa dinamica ha interessato anche gli ETF ad alto rendimento, che hanno registrato una NNA pari a 186 mln di Euro. Dopo aver raggiunto a marzo il record di raccolta su un periodo di 11 mesi, gli ETF sulle obbligazioni societarie investment grade hanno visto una netta inversione di tendenza con deflussi per 169 mln di Euro. Con il profilarsi della normalizzazione della politica monetaria negli Stati Uniti, i flussi verso gli ETF indicizzati all’inflazione sono tornati in territorio negativo con disinvestimenti per 215 mln di Euro.

Gli ETF su commodity, ed in particolare quelli con esposizione diversificata, hanno attirato investimenti piuttosto significativi per 372 mln di Euro.

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

Lyxor ETF Money Monitor: Mercato ETF Maggio 2021

Redazione

21Shares: Tesla e il Congresso di El Salvador sostengono la ripresa del Bitcoin

Redazione

WisdomTree : 5 buone ragioni per puntare sulle banche italiane

Redazione