ETFWorld.it

La piattaforma ETF di db X-trackers fra le prime tre al mondo per flussi netti nel 2015

La piattaforma ETF db X-trackers di Deutsche Asset Management’s (Deutsche AM) ha registrato 27,8 miliardi di flussi netti nel 2015[1], posizionandosi al terzo posto fra le piattaforme globali....


Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente

Simon Klein, Head of Distribution, Passive Investments, EMEA & Asia, di Deutsche AM


{loadposition notizie}

Simon Klein, Head of Distribution, Passive Investments, EMEA & Asia, di Deutsche AM, ha annunciato alla conferenza stampa di Francoforte i numeri della crescita di Deutsche AM: nel 2015 la raccolta dei flussi globali di ETF è stata dell’8%, negli USA la società è stata uno degli ETF provider a più alta crescita, e la market share in Europa è cresciuta al 12,5%, consolidando il posizionamento di secondo ETF provider in Europa per asset in gestione.[2]

“La transizione verso la replica fisica, la significativa espansione della nostra gamma di ETF a reddito fisso, nonché un team di distribuzione allargato sono stati i capisaldi del nostro successo” – ha detto Klein – “Riteniamo di essere ben posizionati per diventare uno dei primi quattro maggiori fornitori di ETF al mondo”.

Deutsche Asset Management è attualmente il quinto provider di ETF a livello globale del risparmio gestito2.

Il reddito fisso è un fattore di crescita

Deutsche AM punta a rafforzare notevolmente il suo posizionamento come provider di ETF a reddito fisso. “Quest’anno lanceremo una serie di nuovi prodotti a replica fisica nel segmento del reddito fisso” – ha proseguito Klein, sottolineando che lo sviluppo di nuovi prodotti sarà un obiettivo chiave – “Guidiamo l‘innovazione nel settore dello Strategic Beta, come dimostrato dalle nostre nuovi soluzioni nel campo del reddito fisso – per esempio fornendo un‘esposizione ai Titoli di Stato con una ponderazione che tiene in conto i fondamentali del paese emittente”.

Il ricorso agli ETF da parte degli investitori istituzionali per la gestione di grandi patrimoni

La sempre maggiore crescita degli ETF in termini di masse gestite facilita ulteriormente gli investimenti. Molti investitori istituzionali infatti, per ragioni di natura regolamentare, non possono oltrepassare la soglia del 10% del patrimonio di un singolo ETF. Pertanto, solo raggiungendo determinati livelli di patrimonio e quindi importanti economie di scala, è possibile entrare nel mirino di questi investitori, che da sempre attribuiscono estrema importanza ai costi e all’efficienza delle scelte gestionali, soprattutto nell’ambito dei mercati azionari core, come l’Europa, gli Stati Uniti e la Germania. Questi processi di investimento sono stati ben avviati, e potrebbero consolidare ulteriormente il trend di crescita del mercato degli ETF, ha osservato Klein.

La crescita della digitalizzazione può favorire gli ETF

Gli ETF quindi stanno diventando sempre più importanti per gli investitori istituzionali, ma questo vale anche per gli investitori privati, ha spiegato Klein. Secondo un sondaggio, ad esempio, il numero di piani di risparmio interamente realizzati attraverso il ricorso ad ETF in Germania è cresciuto del 50% a più di 200.000. [3] Un altro driver di crescita per il mercato degli ETF è rappresentato dal fatto che gli investitori privati possono ora facilmente investire in portafogli diversificati di ETF proposti sia dagli asset manager che da alcuni broker e Internet provider [4]. Tali forme digitali di gestione patrimoniale – note anche come robo-advisor – potrebbero attrarre un maggior numero di investitori privati fra i clienti di ETF in futuro. [5] La loro caratteristica comune è infatto l‘uso quasi esclusivo di ETF nei portafogli proposti


[1]  http://www.etfgi.com/news/detail/newsid/870

[2] https://etf.deutscheam.com/DEU/DEU/Downloadcenter/ETF-Research; Deutsche Bank, ETF Annual Review & Outlook, Stand 21.1.2016

[3] https://www.extra-funds.de/ETF-News/etf-statistik-erstmals-mehr-als-200-000-etf-sparplaene.html

[4] ETF Magazin September 2015.

[5] http://www.bloomberg.com/news/articles/2015-06-18/robo-advisers-to-run-2-trillion-by-2020-if-this-model-is-right

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

SPDR ETF : Fed più accomodante e accordo USA-Cina

1admin

Guerra commerciale USA Cina: Importanza scelte settoriali

1admin

WisdomTree ETF : Mais e soia, il clima impazzito fa paura

1admin