fbpx
ETFWorld.it

Lyxor: Barometro mensile dei flussi degli ETF: Dicembre 2015

Il mercato europeo degli ETF ha registrato afflussi significativi a dicembre 2015. La Raccolta netta di nuovi capitali (NNA) nel mese è stata pari a EUR 9,1 mld, solo il 16% in meno rispetto al livello record raggiunto a….

Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


a cura di Marlène Hassine, Head of ETF Research di Lyxor

{loadposition notizie}

 

gennaio 2015. Le masse in gestione totali sono in aumento del 25% rispetto alla fine del 2014 e raggiungono quota EUR 452 mld, compreso il significativo contributo della performance di mercato (+9,11%*). Gli investitori si sono concentrati soprattutto sugli ETF azionari europei in un mercato dominato dal primo rialzo dei tassi da parte della Fed dopo la fine del QE e dall’ampliamento del piano di QE della BCE.

Gli investimenti verso gli indici azionari, pari a EUR 7,6 mld, hanno fatto segnare il livello più alto su base annua, rappresentando quasi due terzi degli afflussi totali del mercato. Gli investitori hanno continuato a prediligere le azioni dei mercati sviluppati con afflussi pari a EUR 7,1 mld. Sospinte dal miglioramento della fiducia nell’economia, le azioni europee hanno evidenziato investimenti significativi per EUR 5,7 mld principalmente concentrati sugli ETF regionali (EUR 3,2 mld) e sulla Germania (EUR 885 mln). I flussi sugli ETF azionari USA e asiatici sono risultati moderatamente positivi, attestandosi rispettivamente a EUR 521 mln ed EUR 591 mln. Malgrado il rialzo dei tassi d’interesse operato dalla Fed, gli ETF azionari dei mercati emergenti hanno registrato flussi positivi pari a EUR 278 mln, principalmente relativi ai fondi indicizzati ampi, mentre i deflussi dagli ETF sulla Cina sembrano essersi fermati a EUR 2 mln.

Gli afflussi verso gli indici obbligazionari hanno messo a segno un recupero, totalizzando EUR 1,7 mld, dopo un mese di novembre più calmo (EUR 930 mln). I titoli di Stato dei mercati sviluppati hanno continuato a subire deflussi con disinvestimenti pari a EUR 220 mln, sebbene a un ritmo più lento rispetto a novembre 2015. Al contrario, gli afflussi verso i corporate bond investment grade hanno continuato a recuperare terreno totalizzando EUR 1,2 mld, in un contesto caratterizzato da tassi particolarmente bassi in Europa. Va rilevato che il clima d’incertezza nel mercato dei titoli high yield statunitensi ha pesato sugli ETF sulle obbligazioni ad alto rendimento europee, che hanno registrato deflussi moderati per EUR 253 mln. Anche gli afflussi verso gli ETF sulle obbligazioni indicizzate all’inflazione hanno proseguito la loro dinamica positiva attestandosi a EUR 470 mln.

I flussi relativi alle commodity sono stati lievemente negativi (-EUR 105 mln) dopo due mesi di afflussi positivi. Va notato che gli afflussi riferiti agli ETF globali su commodity hanno continuato a registrare un saldo moderatamente positivo (EUR 40 mln), mentre i metalli preziosi hanno subito deflussi per EUR 145 mln.

* 75% MSCI ACWI NTR +9,35%, e 25% JPM Global Aggregate +8,37% tra il 31/12/14 e il 31/12/15 in EUR

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

Amundi ETF: Flussi del mercato degli ETF a Ottobre 2020

Redazione

21Shares raggiunge 150 milioni di dollari di AuM

Redazione

WisdomTree – Azionario USA, azionario cinese e metalli industriali: perché puntare su queste 3 asset class

Redazione