ETFWorld.it
Image default

Lyxor: Barometro mensile dei flussi degli ETF relativo al mese di Ottobre 2016

A ottobre 2016 i flussi legati al mercato europeo degli ETF hanno evidenziato un andamento sostenuto. La raccolta netta di nuovi capitali (NNA) durante il mese si è attestata a 2,8 miliardi di Euro, un livello del 41% superiore a quello del mese scorso e prossimo alla media registrata da inizio anno di 3,2 miliardi di Euro………

Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


a cura di Marlène Hassine, Head of ETF Research di Lyxor

{loadposition notizie}

Le masse in gestione totali, in rialzo del 7% rispetto alla fine del 2015, hanno raggiunto quota 485 miliardi di Euro, compreso il contributo quasi nullo della performance di mercato (+0,4%). Gli ETF azionari si sono ripresi in un clima di maggiore fiducia.

Gli indici azionari hanno evidenziato afflussi record da inizio anno a 2,3 miliardi di Euro, mentre gli investimenti verso gli ETF dei mercati sviluppati sono aumentati in misura significativa a 1,1 miliardi di Euro. I flussi verso gli ETF azionari europei sono tornati in territorio positivo a 314 milioni di Euro, con particolare enfasi sui titoli finanziari dell’area euro, i titoli Value e gli ETF con esposizione al mercato britannico. Di rilievo anche gli afflussi verso gli ETF sui maggiori indici dei mercati sviluppati (598 milioni di Euro), a conferma della maggiore fiducia nutrita dagli investitori nei confronti delle prospettive economiche complessive in quest’area. Il contesto di maggiore propensione al rischio ha inciso anche sui flussi verso le strategie Smart Beta. Nel complesso, essi si sono confermati negativi con disinvestimenti complessivi per 477 milioni di Euro; gli ETF Minimum Volatility statunitensi hanno subito deflussi per 520 milioni di Euro, contrariamente agli ETF Value Factor che hanno toccato un record annuale grazie al posizionamento tattico degli investitori finalizzato a beneficiare della fase di ripresa. In aggiunta, favoriti dal sentimento positivo, i flussi legati alle azioni dei mercati emergenti sono rimasti sostenuti, attestandosi a 867 milioni di Euro. Gli investimenti hanno perlopiù riguardato gli indici globali, sebbene per la prima volta in sei mesi si siano registrati flussi positivi verso gli ETF che danno esposizione al mercato cinese.

Gli afflussi sugli indici obbligazionari hanno accusato un netto rallentamento a 578 milioni di Euro, toccando il minimo annuale. Le obbligazioni societarie investment grade hanno continuato ad attrarre ingenti capitali (pari a 1,1 miliardi di Euro). Il trend positivo dei flussi verso gli ETF legati a obbligazioni indicizzate all’inflazione è proseguito, con investimenti pari a 472 milioni di Euro in un contesto di accresciute aspettative d’inflazione, soprattutto negli Stati Uniti. Gli investimenti verso i titoli sovrani dei paesi sviluppati sono rimasti negativi attorno a 1,2 miliardi di Euro e questo mese non sono stati compensati dai flussi verso i loro omologhi dei mercati emergenti, che sono stati positivi, ma più contenuti, pari a 300 milioni di Euro. Infine, i flussi legati agli ETF obbligazionari high yield hanno segnato un rimbalzo a 302 milioni di Euro dopo due mesi di calma, confermando in certa misura il rinnovato clima di fiducia.

I flussi relativi alle materie prime* sono tornati in territorio negativo a 127 milioni di Euro, perlopiù per via dei deflussi di circa 176 milioni di Euro registrati dai principali indici, e causati dal trend discendente del prezzo del petrolio. 

* inclusi gli ETF non idonei/conformi alla Direttiva UCIT

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

WisdomTree : ETP a leva, ottobre il mese con più flussi dal 2005

1admin

Lyxor ETF Money Monitor: Mercato europeo in ottobre 2018

1admin

Positive le prospettive a medio termine dell’argento

1admin
UA-10929829-1