ETFWorld.it
Image default

Lyxor quota un nuovo ETF su obbligazioni High Yield in USD con copertura del rischio di cambio (Euro Hedged)

Lyxor* quota il nuovo Lyxor USD BofAML High Yield Bonds EUR Monthly Hedged UCITS ETF e, in un contesto di tassi bassi, amplia la propria gamma di ETF obbligazionari che mirano ad elevati rendimenti potenziali…...


Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente

Marcello Chelli, Referente per i Lyxor ETF in Italia


{loadposition notizie}

L’ETF permette infatti di esporsi alle obbligazioni High Yield in USD coprendosi, al contempo, dal rischio di cambio USD / EUR (a fronte di un costo di hedge)(1)(2)(3).

Il nuovo ETF ha come benchmark il BofA Merrill Lynch US High Yield Constrained Index che è considerato il principale indice delle obbligazioni High Yield (ovvero obbligazioni alto rischio/rendimento) statunitensi. L’indice comprende più di 2.000 obbligazioni di oltre 1.000 emittenti (più del doppio degli altri indici del settore) ed è contraddistinto da un rendimento di 6,33% in USD e di circa 4,33% in USD Euro Hedged, già al netto del costo di copertura(1)(2)(3).

A livello europeo, gli ETF della tipologia High Yield hanno registrato una raccolta di EUR 2,1 miliardi nel 2016, raggiungendo un patrimonio complessivo di EUR 12,3 miliardi, di cui EUR 4 miliardi nei soli prodotti focalizzati sull’obbligazionario High Yield statunitense4.

Nell’ambito dell’obbligazionario High Yield USA, gli investimenti passivi riescono a ritagliarsi un ruolo rilevante. Infatti, come evidenziato da S&P nell’analisi SPIVA® U.S. Scorecard, nell’ultimo anno solo il 25% dei gestori che operano su fondi attivi tradizionali nell’ambito US High Yield hanno battuto il benchmark e tale dato diminuisce ulteriormente al 3,4% se si considerano gli ultimi 10 anni.

Marcello Chelli, Referente per i Lyxor ETF in Italia ha commentato: “Questo nuovo ETF arricchisce la gamma di Lyxor ETF a cambio coperto (Euro Hedged) presenti su Borsa Italiana, affiancandosi ai 3 strumenti già presenti: un Lyxor ETF Euro Hedged su Obbligazioni Investment Grade in USD, un ETF Euro Hedged su S&P 500 e un Lyxor ETF Euro Hedged sul giapponese TOPIX”.

Negli ultimi anni Lyxor ha arricchito la propria gamma di ETF obbligazionari e ora si posiziona al terzo posto tra i più grandi provider di ETF obbligazionari in Europa con oltre EUR 11,1 miliardi di masse in gestione4.

SCHEDA TECNICA DELL’ETF

ETF Bloomberg Ticker ISIN Rischio Cambio Costo annuo (TER)
Lyxor USD BofAML High Yield Bonds EUR Monthly Hedged UCITS ETF USYH LU1435356495 No 0,40%

(*) I Lyxor ETF citati sono Sicav lussemburghesi gestite da Lyxor International Asset Management S.A. (qui per brevità “Lyxor”) i cui prospetti sono stati approvati dalla CSSF. Per la data di approvazione si rinvia ai Prospetti.

(1) Il rendimento citato è la media ponderata del Tasso di Rendimento Effettivo a Scadenza – TRES (Yield to Maturity) delle obbligazioni che costituiscono l’indice benchmark dell’ETF ed è al lordo di costi, commissioni e oneri fi scali (fonte: Lyxor al 31/10/2016). Non sussiste garanzia che il rendimento sia raggiunto o mantenuto in futuro ed i rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Per le versioni EUR Hedged è stato stimato un costo per la copertura mensile del rischio di cambio pari a 2% all’anno (fonte: Lyxor, a dicembre 2016).

(2) Oggi, in virtù delle differenti politiche monetarie di FED e BCE, le obbligazioni in USD hanno rendimenti maggiori rispetto alle omologhe obbligazioni in EUR.

(3) Il costo per la copertura mensile del rischio di cambio è variabile nel tempo in quanto soggetto alle condizioni di mercato: attualmente tale costo è di circa 2% all’anno ed è già scontato sia nel prezzo dell’ETF sia nel rendimento stimato riportato in Tabella. Fonte: Lyxor, dicembre 2016. La cadenza mensile della copertura potrebbe risultare non perfettamente puntuale (a causa delle variazioni del patrimonio dell’ETF tra un’operazione di copertura e la successiva) ed essere a sfavore o a favore dell’investitore.

(4) Fonte: Lyxor Int. A.M., al 30/09/ 2016.

 

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

Sette ETF Lyxor stanno per pagare dividendo

1admin

Tre ETF Franklin Liberty prossimi allo stacco dividendo

1admin

Cambiamento dei costi per sei ETF Lyxor

1admin
UA-10929829-1