ETFWorld.it

Baché Philippe Lyxor Asset Management

Lyxor rafforza l’impegno ESG nella sua gamma di ETF obbligazionari

Lyxor Asset Management annuncia il passaggio alla replica fisica[1] della sua gamma di ETF sul credito societario “Investment Grade” in euro e in dollari,

Se vuoi ricevere le principali notizie di ETFWorld.it iscriviti alle Nostre Newsletters gratuite. Clicca qui per iscriverti gratuitamente  


Philippe Baché Head of Fixed Income ETF di Lyxor Asset Management


e riduce il TER (costo totale annuo) dallo 0,20% allo 0,14% – il più economico sul mercato[2]. Queste scelte confermano l’impegno di Lyxor a rafforzare gli aspetti ESG della sua gamma, allo scopo di soddisfare la crescente domanda di investimenti obbligazionari sostenibili.

Per tre Lyxor ETF sul credito societario – il Lyxor ESG Euro Corporate Bond (DR) UCITS ETF, il Lyxor ESG USD Corporate Bond (DR) UCITS ETF e il Lyxor ESG Euro Corporate Bond Ex Financials (DR) UCITS ETF – il passaggio è già avvenuto a novembre e dicembre dello scorso anno. Nessuno di questi ETF utilizzerà il prestito titoli. Lyxor intende apportare modifiche simili ad altri ETF della sua gamma obbligazionaria nel 2021.

Questi ETF replicano indici Bloomberg Barclays MSCI SRI Sustainable, che costituiscono benchmark di riferimento nel settore del reddito fisso ESG. Questi indici utilizzano una metodologia ESG best-in-class che include emittenti con un rating MSCI ESG pari o superiore a “BBB”, ed esclude, tra gli altri, quelli che generano il 5% o più dei loro ricavi da attività legate al carbone termico, al petrolio e al gas non convenzionali e di origine artica.

Lyxor mette ora a disposizione degli investitori una gamma di ETF ESG obbligazionari a costi contenuti e in grado di combinare i principi di investimento ESG ad un focus specifico sulla promozione della transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio.

La domanda di asset sostenibili aumenta senza sosta, con i flussi degli ETF ESG che rappresentano più della metà dei flussi complessivi degli ETF nel 2020. Sempre l’anno scorso, gli ETF ESG obbligazionari hanno registrato 9,2 miliardi di euro di afflussi – più del doppio degli asset raccolti durante l’intero 2019[3].

Philippe Baché, Head of Fixed Income ETF di Lyxor Asset Management, ha commentato: “Gli investitori sono sempre più alla ricerca di esposizioni obbligazionarie semplici, trasparenti e competitive in grado di integrare i criteri ESG. I cambiamenti che stiamo apportando e che apporteremo ai nostri ETF obbligazionari, così come il nostro ETF sui green bond leader a livello mondiale, forniscono soluzioni progettate per aiutare gli investitori a costruire portafogli a reddito fisso più sostenibili e in grado di accelerare la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio”.


[1] La replica fisica si esplicita nell’acquisto di tutti i titoli inclusi nell’indice benchmark in proporzione pari ai pesi che essi hanno nell’indice, in modo che la performance del fondo sia sempre allineata a quella del benchmark.

 [2] Fonte: Lyxor International Asset Management, dati al 31/12/2020. Il costo totale annuo dell’ETF (TER – Total Expense Ratio) non include i costi di negoziazione del proprio intermediario di riferimento ed eventuali altri costi e oneri.

 [3] Fonte : Lyxor International Asset Management. Dati al 31/12/2020.

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

DB ETC : Delisting di 1 ETC quotato in Borsa Italiana

Redazione

HSBC ETF modifica al nome di un ETF

Redazione

SPDR ETF stacco dividendo per 22 ETF

Redazione