ETFWorld

GOLDA, l’ETF delle aurifere, lascia Piazza Affari

Dal 23 maggio 2016 l’ETF RBS Market Access NYSE Arca Gold BUGS (codice GOLDA) non verrà più contrattato a Milano…

Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


{loadposition notizie}


Analisi a cura di MazzieroResearch.com


Ad oggi a Piazza Affari sono quotati due ETF tematici con cui è possibile investire in aziende aurifere, si tratta di:

   RBS Market Access NYSE Arca Gold BUGS Index Ucits ETF (codice GOLDA) – LU0259322260

   Etfs Daxglobal Gold Mining Go Ucits Etf (Codice AUCO) – IE00B3CNHG25

Con questa uscita di scena di RBS, che ritirerà anche altri nove ETF, sulle aurifere resterà un unico prodotto, quello emesso da ETF Securities.

La notizia creerà un certo malumore tra gli investitori, che molto probabilmente si troveranno a dover liquidare un ETF molto al di sotto del loro prezzo di acquisto.

È anche un’opportunità che sfuma in quanto l’indice replicato, NYSE Arca Gold BUGS, ha la particolarità di includere nel paniere solo quelle miniere aurifere che non hanno svolto operazioni di hedging (copertura attuando una vendita a termine della produzione) per un periodo superiore ai 18 mesi.

Ciò rende interessante l’investimento nel momento in cui l’oro presenta quotazioni crescenti in quanto la mancanza di coperture sul lungo termine consente alle aziende di beneficiare pienamente dell’apprezzamento del metallo prezioso.

Cosa accadrà quindi il 23 maggio 2016?

A Borsa Italiana nel segmento ETF Plus non sarà più più presente questo ETF e quindi non sarà più possibile acquistarlo o venderlo.

Cosa può fare chi ha investito nell’ETF GOLDA?

   Venderlo prima del 23 maggio 2016 e non reimpiegare la somma oppure sostituire la posizione con l’unico altro ETF quotato a Milano che investe in aziende aurifere: Etfs Daxglobal Gold Mining Go Ucits Etf (Codice AUCO).

   Valutare se in altre Borse vi possa essere uno strumento alternativo; attenzione che nel caso si acquisti al di fuori dell’Europa uno strumento non armonizzato vi potrebbero essere delle complicazioni a livello di tassazione.

   Attendere passivamente la liquidazione dell’ETF. Questa possibilità è sconsigliata in quanto è bene vendere nel momento di proprio gradimento, cercando di cogliere eventualmente una quotazione favorevole.

Consigliamo quindi i lettori di decidere come comportarsi prima del 23 maggio 2016.

Fonte: ETFWorld.it


Articoli Simili

Indice MSCI Japan: Rimbalzo nipponico

1admin

Indice MSCI Emerging Markets : Rilancio “emergente”

1admin

Indice MSCI World Industrials : Cambio di sentiment

1admin