ETFWorld.it
Image default

SC – Settembre 2013: Affrontare settembre in maniera meno rischiosa

I dati sulla crescita dell’eurozona sono stati migliori delle attese e indicano finalmente una fine della recessione dopo sei trimestri. A fronte di tali sviluppi positivi, manteniamo il nostro sovrappeso in azioni europee. Le tensioni politiche… …


Swisscanto Investment Update Settembre 2013

Referente: Thomas Härter, Responsabile strategie di investimento


per la possibile azione militare degli USA in Siria e le cattive condizioni di valute e obbligazioni dei mercati emergenti ci spingono ad affrontare settembre in maniera meno rischiosa.

Si prevede che a settembre la banca centrale USA inizi l’annunciato “tapering”, la graduale riduzione del suo alleggerimento quantitativo. Sino ad ora la Fed ha acquistato mese per mese obbligazioni per un importo di 80 milioni di USD; ora ci attendiamo che gli acquisti siano “solo” per 60 milioni. Se consideriamo l’insicurezza e la rapida ascesa dei rendimenti sca-tenata già dal solo annuncio della limitazione degli acquisti obbligazionari, la Fed potrà pro-cedere alla riduzione della sua fornitura di liquidità solo a piccoli passi. La politica monetaria USA resta quindi per il momento espansiva, anche perché l’ottimismo sull’andamento dell’e-conomia statunitense potrebbe essere esagerato. Un accenno in questo senso proviene già dai dati economici USA più recenti.

Area dell’euro: la recessione è finalmente terminata
Nel secondo trimestre 2013, l’area dell’euro è riuscita finalmente a porre fine alla recessione grazie ai contributi alla crescita arrivati da Germania e Francia. Italia e Spagna sono ancora in recessione, ma la differenza nella crescita s’è ridotta in modo notevole. Anche qui ci si attende che la recessione sia superata nel corso del secondo semestre. A seguito di questo andamento positivo, i titoli di stato italiani e spagnoli hanno registrato ulteriori utili di corso; gli spread rispetto ai Bund tedeschi sono scesi ai minimi degli ultimi tre anni. Il 22 settembre avranno luogo le elezioni politiche in Germania, che porteranno ai nostri vicini ancora una volta un governo a guida Angela Merkel; resta aperta la questione sul partner di coalizione.

Mercati emergenti: i nuovi bambini difficili
I mercati emergenti hanno più o meno sostituito senza soluzione di continuità l’Europa nel ruolo di bambini difficili del mercato. A partire dal primo annuncio del tapering USA, sono stati colpiti da ampi deflussi di capitale vari mercati emergenti che avevano evidentemente beneficiato in forte misura della ricca creazione di liquidità avvenuta in precedenza. Que-st’anno ritroveremo tra i perdenti le obbligazioni emerging market, che si lasciano dietro sva-riati anni di ottimo andamento. Sono sottoposte a forte pressione anche diverse valute dei mercati emergenti. Colpiti soprattutto quei paesi con un forte deficit della bilancia dei paga-menti; in prima linea Turchia, Sudafrica e India, ma anche Indonesia e Brasile. In considera-zione degli esistenti squilibri strutturali prevediamo che i deflussi di capitale dai mercati emergenti continueranno in futuro e per questa ragione riduciamo nettamente la nostra posi-zione in obbligazioni emerging market.

Petrolio greggio: prezzi in aumento per via del conflitto siriano
Ogni volta che nel Vicino Oriente si manifesta una situazione di crisi, scatta di riflesso un aumento del greggio. Così anche stavolta. Il prezzo per il greggio di qualità Brent è saltato al livello più elevato degli ultimi mesi. Consideriamo esagerati scenari di crisi tipo una chiusura del Canale di Suez, ciononostante riteniamo probabili ulteriori aumenti di prezzo del petrolio e per questa ragione ampliamo leggermente la nostra posizione di materie prime. Il greggio costituisce così una copertura nell’evenienza che i mercati azionari finiscano sotto pressione per via di un’escalation del conflitto siriano.


Disclamer

Tutte le informazioni pubblicate hanno finalità esclusivamente informative e non si propongono di fornire una consulenza d’investimento ovvero un consiglio di qualsivoglia natura. Swisscanto non assume alcuna responsabilità per eventuali scelte di investimento effettuate sulla base delle informazioni contenute nel presente documento. Gli unici documenti vincolanti per l’acquisto di fondi d’investimento di Swisscanto sono i rispettivi prospetti di vendita e le relazioni contabili.

Fonte: ETFWorld – Swisscanto


Utili. L’anno prossimo, secondo molte stime, gli utili operativi dell’SP 500 eguaglieranno (e per qualcuno supereranno) il massimo storico del 2007. Forse c’è un eccesso di ottimismo in queste proiezioni. Si sottovaluta l’impatto fiscale crescente e si sopravvaluta la portata del rialzo delle materie prime, il cui prezzo ha molta importanza su un grande numero di titoli ciclici. L’idea di fondo comunque rimane, il decoupling degli utili dai problemi strutturali del mondo è un dato di fatto.

Differenze. Gli stessi utili venivano prezzati 1550 nel 2007 e sono prezzati 1100 oggi. Sono forse saliti i tassi? No di certo, dal 5 di allora siamo scesi a zero. Si tratta allora di una sottovalutazione temporanea? No, nemmeno questo è vero. A fine 2007 le stime per l’SP per fine 2008 erano comprese tra 1500 e 1800 (si finì in realtà a 900). Le stime per il 2011, per quei pochi che hanno il coraggio di farle, non vanno oltre 1300, massimo 1350. Restano sempre 500 punti di scarto. Perché?
Passato. Negli anni Novanta e nei Duemila fino al 2008 i problemi strutturali esistevano già, ma erano perfettamente asintomatici. Si parlava anche allora di squilibri insostenibili (troppo debito privato, troppo risparmio cinese e troppo consumo in America), ma le crisi del 1987, del 1997- 1998 e del 2001 non derivarono direttamente da questioni strutturali (se non localmente, in Thailandia, Indonesia e Corea per qualche mese tra il 1997 e l’anno successivo). I mercati (e alla fine anche i policy maker) avevano quindi imparato a rimuovere questi aspetti, come chi ha sentito troppe volte gridare al lupo e alla fine non ci crede più. Un ambiente privo di freni inibitori, dunque, terreno di coltura ideale per le bolle.

Futuro. Pochi pensano sul serio che un giorno avranno un infarto prima di averlo, anche se i loro parametri sono allarmanti. Dopo l’infarto, l’idea che potrà ricapitare (e magari essere fatale) resta fissa in testa anche se si sta a dieta, si fanno le lunghe passeggiate consigliate dal medico e si correggono gradualmente i parametri. C’è una perfetta simmetria. Prima si peggiora continuando a non preoccuparsi, dopo ci si continua a preoccupare anche se si migliora.

Ronde. I bond vigilantes degli anni Ottanta erano ferocemente attenti all’inflazione. La generazione attuale è ferocemente attenta al merito di credito. Il risultato è lo stesso, nessuna tregua per i governi individuati volta a volta come carenti o colpevoli. Allora ci vollero 15 anni per debellare l’inflazione, ora occorrerà altrettanto, se non di più, per il debito pubblico. I credit vigilantes lo sanno, ma non faranno sconti sui disavanzi, da portare sotto il tre per cento in tre-quattro anni al massimo.
Sottovalutazione. Probabilmente a Summers non dispiacerebbe avere borse leggermente sopra le righe, il che è comunque positivo perché dimostra sensibilità verso i mercati. Strutturalmente, tuttavia, i rischi di crisi fiscali e bancarie indurranno le borse a rimanere cronicamente sottovalutate, per lo meno rispetto a quello cui ci eravamo abituati nei due decenni passati.

Cina. Stiamo diventando sempre più dipendenti dalla crescita cinese e questo è già un problema in sé. Le questioni strutturali cinesi sono quindi a pieno titolo anche questioni nostre. La dirigenza politica, in questi anni, ha tirato molto la corda rispetto alle disuguaglianze sociali, al prezzo delle case che a Shanghai e Pechino è diventato inaccessibile e agli 8200 veicoli d’investimento immobiliare che gli enti locali hanno creato per vendere loro terra ed edificabilità, in un connubio (per non dire coincidenza fisica), tra politici e imprenditori, che fa sembrare oratoriali conflitti vissuti come scandalosi alle nostre latitudini.

Victor Shih. Non ci sono statistiche ufficiali sugli 8200 veicoli. Il mondo intero si sta servendo di un calcolo fatto da un assistente della Northwestern University, un politologo sino-americano di nome Victor Shih che sul suo (molto interessante) blog ha stimato in 11 trilioni di renminbi, il 30 per cento del Pil, il debito totale di queste opache entità. Dalla Cina sono arrivate mezze smentite e dichiarazioni ufficiose che il problema c’è ma è sotto controllo. Pochissime cifre, però, e tutte vecchie.

Subprime. Qualcosa nell’aria fa pensare che la questione ha raggiunto il punto di ebollizione. Un membro del comitato monetario della banca centrale dichiara al Financial Times che il problema immobiliare è molto, molto più fondamentale e più grande di quello che ha portato alla crisi finanziaria in America e in Inghilterra. Si unisca questo allo sciopero negli stabilimenti Honda del Guangdong.

Allarme rosso. Noi in Occidente vediamo questi problemi da un punto di vista economico e finanziario. Nel quartiere murato dove vive la dirigenza cinese queste cose sono viste come un serio, molto serio problema politico. Tienanmen insegna che nel Dna del partito comunista cinese ci può essere uno stupefacente pragmatismo sulle libertà economiche ma quando si tratta di mantenimento del controllo politico e sociale si sfiora la paranoia.
Priorità assoluta. Dopo la crisi dell’euro si è pensato che la Cina avrebbe allentato la morsa sul settore immobiliare, volano insostituibile per la crescita. Una lettura economicista, probabilmente. La dirigenza del partito si è resa invece conto del fatto che il modello seguito finora è viziato e porta a un aumento troppo veloce dei prezzi delle case. La scelta di abbattere le quotazioni immobiliari di almeno un terzo a Pechino e Shanghai e di un 10-20 per cento nel resto del paese è molto lacerante perché danneggia componenti importanti del partito, ma è stata presa e non si tornerà indietro.

Banche. Non sarà certamente sfuggito al gruppo dirigente che una caduta veloce dei prezzi avrà ripercussioni sulle banche che hanno fatto credito ai veicoli. Nelle settimane passate, del resto, le banche sono state invitate a
sostenere uno stress test basato su questi numeri. Grazie agli aumenti di capitale che sono state energicamente invitate a fare in primavera (la borsa è stata tenuta su apposta) si stima che l’urto possa essere retto. Nel caso si ricorrerà al vecchio metodo e si attingerà alle immense riserve valutarie, pari alla metà del Pil, per ricapitalizzare ulteriormente le banche.

Materie prime. La determinazione ad andare avanti nella politica del ridimensionamento dei prezzi delle case è stata letta come una notizia molto negativa sui mercati delle commodities. Al programma compensativo di sviluppo di edilizia pubblica popolare è stato dato poco credito perché in passato annunci analoghi non hanno avuto molto seguito. Se è però corretta la lettura politica della questione, questa volta si farà sul serio. Non si possono tenere troppo a lungo nei dormitori pubblici centinaia di migliaia di persone in ogni grande città. Naturalmente c’è anche una ragione economica. Un governo che ha fatto della crescita una questione di sopravvivenza deve comunque compensare i disincentivi all’edilizia privata.

Lungo termine. Si sente spesso dire che il governo cinese, dopo avere riempito il paese di dighe, autostrade, ferrovie ad alta velocità e aeroporti potrebbe presto trovarsi a corto di idee per la crescita e con una capacità produttiva in eccesso preoccupante. In realtà le case popolari e gli ospedali saranno la nuova frontiera per i prossimi anni. Un metro quadrato di casa popolare non divora meno cemento, ferro o rame di una casa da edilizia privata. Quanto ai 600 milioni di tonnellate di acciaio che la Cina è in grado di produrre (il mondo intero ne fabbricava 700 nel 1980) ci sarà certo una contenuta compressione dei margini per i produttori ma non bisogna dimenticare la scelta strategica di spingere sull’auto privata. Goldman Sachs parla di una crescita annua a due cifre dell’auto nei prossimi tre anni. Nel 2020, che è dietro l’angolo, la produzione di sole auto leggere raggiungerà un livello che fa sgranare gli occhi, ovvero 30 milioni di unità, tre volte la produzione americana di oggi.

A tutto gas. A proposito di materie prime si parla poco di una rivoluzione silenziosa in pieno corso. Dopo tante false partenze su etanolo, idrogeno, fusione fredda, vento e sole ecco finalmente uno shock da offerta positivo su una scala che diventa ogni giorno più larga. Il gas naturale non convenzionale (triturazione di rocce con perforazione orizzontale) sta cambiando non solo il futuro ma anche il presente dell’America e ha grandi prospettive anche in Cina e perfino in
qualche angolo della nostra Europa, oltre alla solita Australia che ha già tutto. Se Obama può fare la faccia feroce con BP e cacciare dalle acque profonde del Golfo del Messico tutti i produttori, americani inclusi, è perché il gas (e anche il carbone) sono oggi così abbondanti da supplire perfettamente alla minore estrazione di greggio. I mercati, comprensibilmente preoccupati per il problema strutturale del debito pubblico, non hanno ancora metabolizzato pienamente le implicazioni di lungo termine di questo shock positivo. In un mondo disperatamente a caccia di crescita la garanzia di energia abbondante, a buon mercato e geopoliticamente sicura può essere un fattore decisivo.

Marea nera. Macondo è la Chernobyl del petrolio, quanto meno quello estratto in acque profonde, e sta generando in America reazioni molto simili. Come allora il nucleare fu fermato solo in Europa occidentale, così le acque profonde continueranno a essere oggetto d’interesse in Brasile e nel Golfo di Guinea. In questi giorni il petrolio è sceso, trascinando i titoli del settore e deprimendo per questa via le borse, perché i mercati si sono fissati con l’idea del rallentamento ciclico. In realtà, almeno sulle scadenze lontane, l’interdizione dell’estrazione nel Golfo del Messico dovrebbe sostenere le quotazioni del greggio, sia pure marginalmente, e rallentare la discesa dei prezzi di gas e carbone, molto compressi anche da un forte short.

Mercati. Nell’ultimo mese i dati macro sono stati sistematicamente ignorati. La contemplazione del debito pubblico ha ipnotizzato e depresso borse e crediti, impedendo una ripresa a V dei corsi dopo la correzione. Ora si va verso un maggiore equilibrio. Confusi e storditi, molti investitori hanno chiuso le loro posizioni e si sono messi a guardare. La liquidità è scesa e la microvolatilità è salita, con bruschi salti nelle quotazioni da un’ora all’altra e chiusure a Wall Street che rovesciano in dieci minuti l’impostazione delle 24 ore precedenti. Il mercato è prezzato per un rallentamento del ciclo globale già iniziato. In realtà i segni di indebolimento sono modesti e i portafogli scarichi, condizione ideale per un cauto recupero dei corsi.

Articoli Simili

X-P: Indice S&P 500 : Bussare alla porta

1admin

X-P: Indice MSCI Brazil In carreggiata

1admin

X-P: Indice MSCI Thailand Fase di rallentamento

Falco64
UA-10929829-1