ETFWorld.it
Image default

Source apre le porte al Fintech

Source ha lanciato il primissimo fondo OICVM europeo incentrato esclusivamente in società che utilizzano la tecnologia finanziaria . Il FinTech ha registrato una crescita esponenziale, sebbene non sia stato semplice sino ad ora ottenere un’ampia esposizione a tale settore…...


Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente

Chris Mellor


{loadposition notizie}

Il Source KBW NASDAQ Fintech UCITS ETF mira a replicare l’indice KBW NASDAQ Financial Technology, che comprende le società FinTech quotate negli Stati Uniti. L’indice è composto attualmente da 50 titoli e comprende società come Paypal e Visa, o come Square, una nuova app che permette di effettuare pagamenti presso i punti vendita direttamente dal proprio smartphone. Può comprendere perciò società con una capitalizzazione di mercato che va da meno di 1 miliardo a oltre 150 miliardi di dollari statunitensi. La ponderazione di ogni società è calcolata in modo da contribuire ugualmente, così che la performance non sia generata solo dalle più grandi compagnie.

Chris Mellor, Executive Director, Equity Product Management di Source, ha commentato: “Le società FinTech stanno ridefinendo il settore dei servizi finanziari in ogni sua sfaccettatura, dalla finanza e pagamenti online alle assicurazioni e all’elaborazione dati.

“Il FinTech ha registrato una crescita esponenziale soprattutto dopo la crisi finanziaria, quando i servizi finanziari tradizionali hanno subito forti pressioni proprio nel momento in cui il comportamento dei consumatori stava cambiando e le tecnologie come gli smartphone, il cloud computing e i “Big data” stavano iniziando a consolidarsi.

“Una tecnologia più veloce, più efficiente e più integrata nel settore finanziario ha sostenuto la fortissima crescita delle società FinTech e questa tendenza non mostra segni di rallentamento”.

Gli investitori sono alla ricerca di esposizione al FinTech

In una recente indagine tra gli investitori istituzionali, circa la metà (46%) ha dichiarato di prevedere il 2017 come anno record per gli investimenti nel settore del FinTech, ma la stessa percentuale ritiene che la mancanza di veicoli di investimento rappresenti un ostacolo per chi vuole aumentare l’esposizione a tale settore.

I servizi finanziari che potrebbero subire un maggior impatto data l’innovazione radicale generata dalle società FinTech sono il banking online (59%), seguito dai pagamenti (43%), dalla consulenza finanziaria (30%), dalle operazioni su cambi (30%), dall’asset management (27%), dal wealth management (20%) e dalle assicurazioni sulla vita (20%).

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

Nuovo Divisor per l’Indice FTSE MIB

1admin

ETFWorld: Nuovo divisor per l’indice Ftse MIB

Webmaster

State Street lancia una nuova serie di Indici Investibili

Webmaster
UA-10929829-1