ETFWorld.it

Lytle Michael John Tabula

Tabula ETF – Investitori istituzionali e i gestori patrimoniali si aspettano un aumento dei downgrades e defaults di credito

Tabula ETF – Investitori istituzionali e i gestori patrimoniali si aspettano un aumento dei downgrades e defaults di credito

Se vuoi ricevere le principali notizie di ETFWorld.it iscriviti alle Nostre Newsletters gratuite. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Michael John Lytle, CEO di Tabula Investment Management


L’ultimo studio realizzato dal provider di ETF obbligazionari Tabula Investment Management Limited  rivela che il 45% degli investitori istituzionali e dei gestori patrimoniali europei prevede un aumento di downgrades e defaults nel credito corporate nei prossimi nove mesi. Solo il 41% si aspetta che il mercato obbligazionario si stabilizzi.

Il questionario ha coinvolto 100 investitori professionali appartenenti a Regno Unito, Svezia, Svizzera, Danimarca, Norvegia, Italia, Germania e Francia.

Nel complesso, l’84% degli investitori professionali si aspetta un incremento dei volumi in fondi obbligazionari, infatti il 76% ritiene che una ragione fondamentale sarà l’aumento della volatilità e degli shock di mercato. La seconda ragione citata dal 67% dei partecipanti fa capo ad una ricerca di ritorni, dovuti alle società che cancellano, sospendono o tagliano i dividendi. Il 63% ritiene che la liquidità record emessa da parte delle banche centrali e dei governi contribuirà a rendere le obbligazioni un asset class attraente per gli investitori. Il 43% vede inoltre gli scarsi rendimenti sui depositi come un ulteriore sostegno di questa tendenza.

Per quanto riguarda l’obbligazionario nei mercati emergenti, il 33% degli investitori professionali si aspetta che le allocazioni al debito dei paesi emergenti aumentino drasticamente quest’anno, mentre quasi la metà si aspetta un moderato aumento.

“I fondamentali e le dinamiche di mercato stanno guidando gli investimenti obbligazionari, tuttavia, la costante innovazione che ha acceso il mercato degli ETF azionari è mancata nel fixed income, il che significa che i grandi fondi esistenti continuano a raccogliere asset”, afferma il CEO di Tabula, Michael John Lytle.  “Tuttavia, gli investitori sono affamati di nuovi prodotti, e noi abbiamo utilizzato la nostra esperienza pluridecennale nei mercati del credito per sviluppare una migliore esposizione passiva, fornendo strumenti precisi e efficienti per la costruzione del portafoglio. Ad esempio, il nostro US Enhanced Inflation ETF (TINF) fornisce un’esposizione combinata sia all’inflazione attesa che a quella realizzata in un unico prodotto”.

Fonte : ETFWorld.it

Articoli Simili

State Street Global Advisors: “Gli investitori istituzionali stimano di incrementare le esposizioni obbligazionarie indicizzate”

Redazione

WisdomTree : Per le commodity il miglior trimestre dell’ultimo decennio

Redazione

21Shares: Amazon mette le ali alle cripto, ma Tether e Binance rischiano di frenarlo

Redazione