ETFWorld.it

Lytle Michael John Tabula

Tabula implementa le nuove norme SFDR contro le pratiche di Greenwashing

Tabula implementa le nuove norme SFDR contro le pratiche di Greenwashing. Un recente studio rivela inoltre la crescente attenzione degli investitori professionali per le credenziali ESG nella scelta degli investimenti

Se vuoi ricevere le principali notizie di ETFWorld.it iscriviti alle Nostre Newsletters gratuite. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


a cura della redazione di ETFWorld.it


Michael John Lytle – CEO di Tabula


Il provider di ETF obbligazionario Tabula Investment Management Limited ha accolto l’introduzione delle norme SFDR (Sustainable Finance Disclosure Regulation), il nuovo regolamento UE sulla divulgazione della sostenibilità dei fondi, dichiarando che aiuterà a combattere il greenwashing, standardizzando il reporting sulla sostenibilità dei fondi.

L’ultimo studio portato avanti da Tabula rivela che in futuro il 77% degli investitori istituzionali e gestori patrimoniali si concentrerà sul rating ESG, e il 63% cercherà specifiche etichette ESG come il rating SFDR. Uno su quattro guarderà l’appartenenza del gestore del fondo ad organismi di settore come il PRI delle Nazioni Unite e Climate Action 100+.

“Con una moltitudine di approcci diversi da parte delle agenzie di rating ESG, c’è molta confusione sulle credenziali di sostenibilità dei singoli fondi sostenibli” afferma Michael John Lytle, CEO di Tabula. “La nostra ricerca mostra quanto gli investitori siano concentrati sulle credenziali di sostenibilità di un fondo, e l’introduzione delle norme SFDR fornirà molta più chiarezza e standardizzazione in questo spazio”.

Ai sensi delle norme SFDR, il Tabula EUR IG Bond Paris-aligned Climate UCITS ETF, è stato classificato come un prodotto compliant all’Articolo 9, il che significa che contribuisce a un “obiettivo sostenibile” con un obiettivo specifico di riduzione delle emissioni totali di gas serra (GHG). L’ETF offre infatti un’esposizione alle obbligazioni investment grade in euro e fornisce il 50% in meno di emissioni totali di gas serra rispetto ad un benchmark generico EUR IG e una decarbonizzazione annuale di almeno il 7%.

Il Tabula EUR IG Bond Paris-aligned Climate UCITS ETF è adatto ad allocazioni core in quanto applica un rigoroso filtro di liquidità e vincoli settoriali, mentre il back-testing storico registra una forte correlazione storica con i tradizionali benchmark Europei investment grade. Tabula ha collaborato con Solactive e ISS ESG per sviluppare questo benchmark unico.

I dati utilizzati per lo screening ESG sono forniti da ISS ESG, parte del gruppo Institutional Shareholder Services (ISS). ISS esiste da quasi 30 anni e da oltre 10 anni e’ leader in materia di clima. I suoi dati sono probabilmente tra i più alti in termini di qualità.

Tabula è fermamente impegnata a sostenere gli investimenti ESG. È firmataria dei Principi per l’Investimento Responsabile sostenuti dalle Nazioni Unite e dell’Climate Action100+. Inoltre, Tabula è membro dell’Institutional Group on Climate Change e mira a dedicarsi attivamente a collaborare con i fornitori di indici per migliorare gli standard ESG negli indici obbligazionari.

Fonte : ETFWorld

Articoli Simili

HANetf : Quota in Italia il primo ETF che permetterà di compensare l’emissione di carbonio

Redazione

Ossiam modifica denominazione per due ETF

Redazione

Lyxor ETF quota quattro nuovi ETF obbligazionari in Borsa Italiana

Redazione