ETFWorld.it
Image default

Tre anni di VanEck Vectors Morningstar US Wide Moat UCITS ETF

Aziende con solidi vantaggi competitivi a un prezzo equo…

Se vuoi ricevere le principali notizie di ETFWorld.it iscriviti alle Nostre Newsletters gratuite. Clicca qui per iscriverti gratuitamente

A cura di Dimitri Klymenko, Product Manager presso VanEck


Valutazioni difficili sul mercato azionario statunitense: gli investitori dovrebbero ripensare le loro ponderazioni per capitalizzazione di borsa

Indici alternativi quali il Morningstar Wide Moat Focus sono stati ideati per porre rimedio a questa situazione attraverso la ricerca di azioni statunitensi con rating moat ampi e valutazioni interessanti

VanEck Vectors Morningstar US Wide Moat UCITS ETF (ISIN: IE00BQQP9H09) celebra il suo terzo anniversario. Performance annualizzata del 17,5 percento dal lancio (dati al 30 settembre 2018)

Se non l’hanno ancora fatto, gli investitori dovrebbero ripensare il loro processo d’investimento per le azioni statunitensi dopo che l’S&P 500 ha raggiunto un nuovo massimo storico nel mese di settembre.

“Gli Stati Uniti continuano a fornire opportunità interessanti per gli investimenti grazie alla forte crescita economica e agli elevati livelli di occupazione. In seguito alla tendenza al rialzo più lunga nella storia del mercato dei titoli statunitensi, le valutazioni sono tuttavia difficili. In questo contesto, seguire semplicemente il mercato significa acquistare azioni ai massimi della valutazione, vale a dire potenzialmente sopravvalutate”, ha spiegato Dimitri Klymenko, Product Manager presso VanEck. “Inevitabilmente ciò riduce il potenziale di utile”. VanEck Vectors Morningstar US Wide Moat UCITS ETF (ISIN: IE00BQQP9H09), che celebra il terzo anniversario del suo lancio, offre un approccio d’investimento più intelligente. Da ottobre 2015 ha generato una performance annualizzata del 17,5 percento (dati al 30 settembre 2018).

In un mercato con valutazioni potenzialmente elevate, gli investitori dovrebbero considerare se desiderano realmente orientare i loro portafogli verso indici che tengano conto e ponderino le azioni in base alla capitalizzazione del mercato.

“A nostro avviso, è più consigliabile scegliere modelli che operino con un certo numero di criteri rilevanti”, ha dichiarato Klymenko. Ciò è vero per l’indice Morningstar® Wide Moat Focus IndexTM, che ha sovraperformato l’S&P 500 di 117 punti percentuali dal suo lancio nel 2007 (dati al 30 settembre 2018).

Negli ultimi tre anni il VanEck Vectors Morningstar US Wide Moat UCITS ETF (ISIN: IE00BQQP9H09) ha anche offerto agli investitori europei l’opportunità di beneficiare dell’esposizione a questo indice. Si tratta dell’unico ETF conforme alle normative UCITS che replica la performance del Morningstar Wide Moat Focus IndexTM. Il suo portafoglio comprende dalle 40 alle 80 azioni statunitensi destinate a offrire vantaggi competitivi sostenibili a lungo termine, valutate in base al loro fair value. Il modello di indicizzazione sottostante comprende un processo di analisi multilivello sviluppato dal team di Ricerca Azionaria presso la società di ricerca Morningstar.

Gli Economic Moat favoriscono solidi vantaggi competitivi e il potenziale di sovraperformance

Il processo di analisi dei moat di Morningstar si basa su un universo costituito da circa 1500 azioni statunitensi.

Da questo universo, più di 100 analisti Morningstar prendono inizialmente in esame tutte le società che possiedono solidi vantaggi competitivi e le utilizzano per proteggere le loro quote di mercato dalla concorrenza. In questo contesto, i vantaggi competitivi possono comprendere beni immateriali, vantaggi di costo, costi di transizione, effetti della rete o dimensionamento strutturale efficiente. Inoltre, gli analisti stabiliscono il livello al quale questi ‘moat’ o vantaggi competitivi possono essere mantenuti nel lungo periodo.

Le società per le quali si prevede che i vantaggi competitivi costituiscano una protezione dalla concorrenza per 20 anni, o un periodo più lungo, ricevono un rating Morningstar® Economic Moat™ “ampio” e possono pertanto essere incluse nell’indice. Un esempio di azioni di questo tipo sono quelle del produttore di bevande Coca Cola che è diventato un marchio con valore dell’ordine di miliardi grazie alla leggendaria ricetta segreta. Non è un caso che il valore del marchio nel bilancio sia stato fissato a 73 miliardi di USD, equivalenti a più del 40 percento della capitalizzazione di mercato della società.

Qualità al giusto prezzo

Un forte vantaggio competitivo o “wide moat” non è tuttavia sufficiente da solo per rendere interessante un investimento. L’acquisto di un Economic Moat è conveniente solo se il prezzo è quello giusto. Basandosi sull’ipotesi che ogni azione abbia un valore intrinseco a lungo termine,

Morningstar svolge un’analisi multilivello che fornisce una previsione dettagliata dei flussi di cassa futuri della società. Ciò genera il cosiddetto fair value. Questo fair value viene poi messo in relazione con il prezzo corrente dell’azione.

Se entrambi i dati corrispondono, la valutazione corrente è appropriata, il che significa che i flussi di cassa previsti sono conteggiati nel prezzo corrente delle azioni.

Un eventuale prezzo corrente inferiore al prezzo equo suggerisce tuttavia una valutazione favorevole. In caso contrario, l’azione probabilmente è troppo cara e quindi non possiede nulla di più che un limitato potenziale di rendimento.

In ultima analisi, tra le 40 e le 80 azioni statunitensi con un rating moat “ampio” e un prezzo corrente corrispondente al livello più basso rispetto al loro fair value a lungo termine rientrano nell’indice Morningstar Wide Moat Focus. Ogni trimestre viene effettuato un ribilanciamento.

Gli investitori che si sono concentrati su questo indice con il VanEck Vectors Morningstar US Wide Moat UCITS ETF (ISIN: IE00BQQP9H09) in passato hanno sovraperformato il mercato più ampio rappresentato dall’S&P 500.

Questo successo non va naturalmente dato per scontato: dopo tutto, in base ai dati forniti da Standard & Poor’s, negli ultimi dieci anni, circa il 90 percento di tutti i fondi di large cap statunitensi gestiti attivamente che replicano l’S&P 500 come loro benchmark ha sottoperformato (dati al 29 dicembre 2017).

Fonte: ETFWorld

 

Articoli Simili

Positive le prospettive a medio termine dell’argento

1admin

WisdomTree : Elezioni mid term USA, le aspettative dei mercati

1admin

Barrick e Randgold potrebbero aprire una nuova era nelle fusioni tra produttori d’oro

1admin
UA-10929829-1