fbpx
ETFWorld.it

Trend mensile del mercato europeo degli ETF – Settembre 2015

Il trend favorevole dei flussi nel mercato europeo degli ETF è proseguito ad agosto 2015. La RACCOLTA NETTA DI NUOVI CAPITALI (NNA) durante il mese si è attestata a EUR 9,7 miliardi, un livello prossimo al record massimo di EUR 10,9 miliardi raggiunto a gennaio 2015….

Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


a cura di Marlène Hassine, Head of ETF Research di Lyxor e François Millet, Head of Index Product Development di Lyxor.

{loadposition notizie}

Le masse in gestione totali sono in aumento del 17% rispetto alla fine del 2014, attestandosi a EUR 425 miliardi, tenendo conto del contributo della performance di mercato, pari al 4,8%. In vista del cambiamento della politica monetaria della Fed atteso entro la fine dell’anno, gli investitori disinvestono dagli asset rischiosi (mercati emergenti e segmento high yield) a favore dell’equity in aree caratterizzate da prospettive di crescita modeste ma sicure (azioni europee).

I flussi degli ETF azionari hanno evidenziato un significativo rialzo raggiungendo quota EUR 7,3 miliardi. Gli investitori hanno privilegiato i mercati sviluppati, che hanno beneficiato di investimenti per EUR 9,2 miliardi. Gli afflussi verso gli ETF europei hanno raggiunto livelli elevati. Gli ETF nella regione europea hanno raccolto capitali per EUR 3,5 miliardi; quelli verso le azioni francesi e dei Paesi periferici hanno segnato massimi storici pari rispettivamente a EUR 373 milioni ed EUR 326 milioni. Positivi anche i flussi registrati dagli ETF statunitensi (EUR 2 miliardi) e giapponesi (EUR 524 milioni). Di contro, i disinvestimenti dai mercati emergenti hanno toccato un nuovo picco (-EUR 1,5 miliardi), prossimo al record di EUR 1,8 miliardi di dicembre 2014. Gli ETF regionali, come quelli indiani, sudcoreani e russi, sono stati tra i più penalizzati a causa dei timori degli investitori relativi a un contesto più rischioso. È interessante notare come queste apprensioni riguardanti i mercati emergenti abbiano inciso negativamente anche sugli ETF Smart Beta, che hanno registrato il primo mese di deflussi da un anno a questa parte.

Gli afflussi verso gli ETF fixed income sono stati positivi (+EUR 2,3 miliardi). È curioso rilevare che questi flussi hanno riguardato perlopiù i titoli di Stato europei (+EUR 1,3 miliardi), un livello prossimo al massimo storico registrato a gennaio 2015. Continuano gli afflussi verso gli ETF sulle obbligazioni societarie investment grade, che hanno raccolto EUR 403 milioni, mentre i titoli high yield hanno subito deflussi per EUR 173 milioni in un contesto caratterizzato dalla fuga degli investitori dagli asset più rischiosi.

I flussi relativi alle commodity si sono rivelati negativi (-EUR 27 milioni). Gli afflussi verso gli ETF “broad based” sono risaliti a EUR 162 milioni, mentre quelli su metalli preziosi hanno evidenziato deflussi per EUR 189 milioni.

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

WisdomTree – Dolce o amaro: due scenari per il cacao nel 2021

Redazione

21Shares raggiunge 150 milioni di dollari di AuM

Redazione

WisdomTree – Azionario USA, azionario cinese e metalli industriali: perché puntare su queste 3 asset class

Redazione