ETFWorld.it
Image default

UBS AM lancia la versione hedged di un ETF obbligazionario

UBS AM conferma il primato nel campo degli ETF con copertura dal rischio di cambio e lancia la versione hedged dello strumento a breve scadenza sull’universo obbligazionario emergente...

Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


{loadposition notizie}

Francesco Branda, Head of Passive & ETF Specialist Sales Italy, UBS AM


A partire dal 1° marzo, UBS Asset Management ha quotato su Piazza Affari l’UBS ETF J.P. Morgan USD EM Diversified Bond 1-5 UCITS ETF Euro Hedged, proseguendo in questo modo l’ampliamento della propria gamma di strumenti passivi a copertura valutaria, ambito nel quale vanta una forte leadership a livello europeo: UBS è infatti il primo operatore con una quota di mercato di oltre il 29% e AuM pari a 21,6 miliardi di dollari.[1]

Lo strumento, la cui versione senza copertura dal rischio di cambio è già presente su Borsa Italiana, consente di prendere esposizione in modo diversificato su tutto l’universo obbligazionario dei Paesi Emergenti (titoli di Stato, emissioni corporate e sovranazionali), concentrandosi sulle emissioni a breve scadenza, da 1 a 5 anni.

Peculiare è la copertura garantita da tutte le oscillazioni dei tassi di cambio esistenti tra l’Euro e il Dollaro statunitense, valuta di espressione dei bond (con taglio superiore ai USD 500 milioni) ricompresi nell’indice J.P. Morgan USD EM Diversified 3% capped 1-5 Year Bond Index, che l’ETF replica. Un importante contributo alla diversificazione è dato dal peso di ogni singolo Paese in portafoglio, che non può eccedere una quota del 3% complessivo. Attualmente lo strumento presenta uno yield to maturity del 5,11% e una duration di 2,72 anni.

 “Questa quotazione dimostra il nostro impegno per continuare a operare avendo come bussola il soddisfacimento dei bisogni degli investitori, che con crescente attenzione guardano agli strumenti currency hedged – ha commentato Francesco Branda, Head of Passive & ETF Specialist Sales Italy, UBS AM, che conclude “riteniamo che anche l’ampia diversificazione e la bassa duration garantita dall’ETF siano due dei fattori che rendono lo strumento adatto a chi ha una view positiva sul debito emergente, ma allo stesso tempo vuole avere una bassa esposizione al rischio rialzo tassi ed è alla ricerca di rendimenti interessanti ”.

[1] Fonte: ETFGI Currency Hedged ETF and ETP Insights, gennaio 2018

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

UBS amplia l’offerta di ETF su Borsa Italiana

Falco64

Invesco quota un nuovo ETF sul mercato italiano

1admin

Si amplia la gamma di ETF Lyxor quotati su Borsa Italiana

1admin
UA-10929829-1