ETFWorld.it
Image default

UBS ETF: Proteggersi dal rischio inflazione. Oro o TIPS?

L’inflazione Usa a gennaio ha registrato il suo scatto maggiore dal febbraio 2013, salendo dello 0,6%, dato assai superiore rispetto al consensus, che stimava l’aumento allo 0,3%…..

Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


{loadposition notizie}

Commento a cura di Simone Rosti, Responsabile UBS ETF Sud Europa


D’altra parte, la recente elezione di Donald Trump (unitamente alle potenziali conseguenze della spesa pubblica e degli sgravi fiscali per le imprese) aveva determinato una revisione delle aspettative d’inflazione su vasta scala.

L’interrogativo se il rischio d’inflazione sia sottovalutato è quindi di grande attualità.

L’oro è generalmente considerato un “bene rifugio” che tende ad assorbire diversi tipi di shock (d’inflazione, di mercato, valutari…). Tuttavia, dato che, in aggiunta all’inflazione, vi sono anche altri importanti fattori che ne determinano l’andamento, la sua capacità di proteggere dall’inflazione risulta più debole rispetto ad un altro strumento: i TIPS a breve termine.

In generale i TIPS, titoli di Stato USA indicizzati all’inflazione, sono una soluzione per coprirsi da picchi d’inflazione imprevisti. Il capitale dei TIPS aumenta in linea con l’inflazione come misurata dal Consumer Price Index (indice dei prezzi al consumo). L’indicizzazione all’inflazione assicura la protezione del potere d’acquisto, un fattore importante, in quanto numerosi investitori puntano ai consumi in termini reali. Il mercato dei TIPS ha registrato una crescita significativa alla sua creazione nel 1997 e attualmente le sue dimensioni sono stimate a 1100 miliardi di dollari USA (indice Barclays U.S. TIPS), rispetto ai 6800 miliardi dei Treasury nominali (indice Barclays U.S. Treasury).

In particolare, rispetto ad altre modalità di copertura dall’inflazione (vedi grafico), i TIPS a più breve termine hanno offerto un livello di protezione più elevato, ossia il loro valore ha evidenziato una correlazione molto elevata con l’inflazione.

06042017 1

Grafico: correlazione dei rendimenti a 12 mesi rispetto al CPI su base annua (dati mensili da settembre 2003 a ottobre 2016).

Le obbligazioni a tasso variabile, gli immobili, i TIPS a più lungo termine e le azioni hanno tutti mostrato una certa capacità di tenuta nei confronti dell’inflazione, ma nettamente inferiore a quella dei TIPS a più breve termine o dell’oro.

Inoltre, il grafico 2 illustra il profilo di rischio/rendimento a più lungo termine. I TIPS hanno rendimenti lievemente più elevati rispetto ai Treasury nominali, ma comportano anche un rischio leggermente maggiore. Sorprendentemente, l’oro ha prodotto i risultati migliori, ma il rischio connesso è stato significativo. A tale riguardo, l’oro in quanto strumento di copertura dall’inflazione è stato meno adeguato per gli investitori avversi al rischio. In sintesi, i TIPS hanno offerto un risultato corretto per il rischio più interessante, nonché la garanzia di protezione dei consumi reali se detenuti sino alla scadenza.

06042017 2

Grafico: profilo di rischio/rendimento delle principali asset class (dati mensili da luglio 2000 a novembre 2016).

Investire in TIPS a breve termine

UBS ETF è l’unico emittente a offrire sul mercato italiano ETF che permettono di investire sui Titoli di Stato indicizzati all’inflazione con una scadenza di almeno 1 anno ma non superiore ai 10. Lo strumento è disponibile da fine 2016 anche nella classe con copertura valutaria, che consente di ridurre l’impatto delle fluttuazioni dei corsi di cambio tra l’euro e il dollaro.

06042017 3 

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

Positive le prospettive a medio termine dell’argento

1admin

WisdomTree : Elezioni mid term USA, le aspettative dei mercati

1admin

Barrick e Randgold potrebbero aprire una nuova era nelle fusioni tra produttori d’oro

1admin
UA-10929829-1