ETFWorld.it
Image default

Un ETF iShares supera i 20 miliardi di dollari in gestione

L’iShares Core S&P 500 UCITS (CSPX) è il primo ETF europeo che supera i 20 miliardi di dollari in gestione…..

Se vuoi ricevere le principali notizie riguardanti gli ETF e gli ETC iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Emanuele Bellingeri, Responsabile per l’Italia di iShares

{loadposition notizie}

La ricerca di strumenti efficienti per implementare in modo tattico e strategico view ottimiste sul mercato statunitense ha permesso al fondo di raggiungere un nuovo record. La propensione al ‘value for money’ e ad una maggiore trasparenza continuano ad alimentare l’interesse degli investitori negli ETF come strumento per la costruzione del portafoglio.

Prospettive e driver alla base dei flussi

Gli ETF azionari statunitensi hanno registrato flussi rilevanti, accumulando 19,3 miliardi di dollari nel solo mese di gennaio 2017. Questo risultato testimonia una rinnovata propensione al rischio alla luce di un’accelerazione della ripresa macroeconomica.

Le azioni di società statunitensi possono essere interessanti per gli investitori disposti ad assumere maggiori rischi rispetto ai titoli obbligazionari.

Migliori prospettive di crescita economica negli Stati Uniti e crescenti stime sugli utili delle società statunitensi potrebbero determinare benefici sull’azionario, sebbene questi elementi non sono necessariamente correlati.

Perché gli ETF?

Emanuele Bellingeri, Responsabile per l’Italia di iShares, ha commentato: “I nostri clienti riferiscono che gli ETF consentono loro di ottenere migliori risultati in ottica di portafoglio, grazie alla precisione, alla trasparenza e all’efficienza in termini di costi, tipici di questi strumenti. Essi vengono sempre più impiegati per esprimere opinioni di investimento tattiche e di lungo periodo, con utilizzi diversificati tra asset class e aree geografiche”.

“Crediamo che gli ETF abbiano il potenziale per superare 1.000 miliardi di dollari in gestione entro il 2020, trainati dall’impulso della normativa sulla consulenza indipendente, dall’aumento degli investimenti digitali e dal crescente interesse degli investitori per un ampio set di strumenti per navigare in modo efficiente in un contesto sempre più complesso”.

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

Positive le prospettive a medio termine dell’argento

1admin

WisdomTree : Elezioni mid term USA, le aspettative dei mercati

1admin

Barrick e Randgold potrebbero aprire una nuova era nelle fusioni tra produttori d’oro

1admin
UA-10929829-1